Sei in: Home » Articoli

Disaccordo sul domicilio coniugale? Non sempre è motivo di addebito

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. 1744/2003) ha stabilito che la richiesta di separazione con addebito non può essere giustificata dalla violazione del dovere dei coniugi di stabilire concordemente il domicilio della famiglia, qualora alla rottura, abbiano contribuito altre cause. I Giudici di Piazza Cavour evidenziano infatti che ?la violazione del dovere di stabilire concordemente il proprio domicilio, ove anche possa considerarsi motivo di addebito, può non giustificare, da sola, la pronuncia di separazione con addebito qualora la rottura dei rapporti coniugali sia stata determinata indipendentemente dalla predetta violazione?. Precisa ancora la Corte che, per poter addivenire alla pronuncia di addebito, occorre che venga fornita la prova che il comportamento del coniuge contrario ai doveri familiari sia stato la causa che ha determinato l?intollerabilità della convivenza.
(12/02/2003 - Avv.Cristina Matricardi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Avvocati: entro il 31 ottobre contributi alla CassaAvvocati: entro il 31 ottobre contributi alla Cassa
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF