Sei in: Home » Articoli

Esecuzione infruttuosa sul patrimonio sociale e formazione del titolo nei confronti del socio

Condividi
Seguici

A norma dell'art. 2304 del Codice Civile i creditori di una società di persone (anche se in liquidazione) non possono pretendere il pagamento dai singoli soci, se non dopo aver escusso preventivamente il patrimonio sociale. Tale disposizione, chiarisce ora la Corte di Cassazione (sent. 15700 dell'8 novembre 2003), ha efficacia limitatamente alla fase esecutiva, nel senso che il creditore sociale non può procedere coattivamente a carico del socio se non dopo aver agito infruttuosamente sui beni della società. Al creditore, pertanto, non è precluso di ottenere (in sede di cognizione) un titolo esecutivo nei confronti del singolo socio per poter iscrivere ipoteca sui suoi beni immobili e poter agire in via esecutiva contro di lui una volta che il patrimonio sociale sia risultato incapiente o insufficiente al soddisfacimento del credito.
(09/01/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Sanatoria per la tassa rifiuti non pagata
» Avvocati: Cassa Forense non può pretendere i contributi oltre i 5 anni
» Legge Pinto: cosa prevede e come si presenta il ricorso
» Fisco: arriva il maxisconto sull'acquisto casa
» Google abbandona Huawei: addio ad Android?

Newsletter f t in Rss