Sei in: Home » Articoli

Esecuzione infruttuosa sul patrimonio sociale e formazione del titolo nei confronti del socio

A norma dell'art. 2304 del Codice Civile i creditori di una società di persone (anche se in liquidazione) non possono pretendere il pagamento dai singoli soci, se non dopo aver escusso preventivamente il patrimonio sociale. Tale disposizione, chiarisce ora la Corte di Cassazione (sent. 15700 dell'8 novembre 2003), ha efficacia limitatamente alla fase esecutiva, nel senso che il creditore sociale non può procedere coattivamente a carico del socio se non dopo aver agito infruttuosamente sui beni della società. Al creditore, pertanto, non è precluso di ottenere (in sede di cognizione) un titolo esecutivo nei confronti del singolo socio per poter iscrivere ipoteca sui suoi beni immobili e poter agire in via esecutiva contro di lui una volta che il patrimonio sociale sia risultato incapiente o insufficiente al soddisfacimento del credito.
(09/01/2003 - Roberto Cataldi)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF