Sei in: Home » Articoli

Esecuzione infruttuosa sul patrimonio sociale e formazione del titolo nei confronti del socio

A norma dell'art. 2304 del Codice Civile i creditori di una societÓ di persone (anche se in liquidazione) non possono pretendere il pagamento dai singoli soci, se non dopo aver escusso preventivamente il patrimonio sociale. Tale disposizione, chiarisce ora la Corte di Cassazione (sent. 15700 dell'8 novembre 2003), ha efficacia limitatamente alla fase esecutiva, nel senso che il creditore sociale non pu˛ procedere coattivamente a carico del socio se non dopo aver agito infruttuosamente sui beni della societÓ. Al creditore, pertanto, non Ŕ precluso di ottenere (in sede di cognizione) un titolo esecutivo nei confronti del singolo socio per poter iscrivere ipoteca sui suoi beni immobili e poter agire in via esecutiva contro di lui una volta che il patrimonio sociale sia risultato incapiente o insufficiente al soddisfacimento del credito.
(09/01/2003 - Roberto Cataldi)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» ResponsabilitÓ medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE