Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Cassazione: responsabilità dell'Avvocato? Incombe sul danneggiato la prova del nesso causale

Condividi
Seguici

La Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 9238/2007) ha stabilito che ai fini dell'accertamento della responsabilità professionale dell'Avvocato "incombe al cliente il quale assume di avere subito un danno, l'onere di provare la difettosa od inadeguata prestazione professionale, l'esistenza del danno ed il rapporto di causalità tra la difettosa od inadeguata prestazione professionale ed il danno". I Giudici di Piazza Cavour hanno quindi precisato che "per quanto riguarda la difettosità o inadeguatezza della prestazione professionale, il cliente ha l'onere di fornire la prova di idonei dati obiettivi in base ai quali il giudice valuterà se, in relazione alla natura del caso concreto, l'attività svolta dal professionista possa essere giudicata sufficiente" e che "l'affermazione di responsabilità di un legale implica l'indagine sul sicuro fondamento dell'azione che avrebbe dovuto essere proposta o diligentemente coltivata e perciò la 'certezza morale' che gli effetti di una diversa attività del professionista sarebbero stati vantaggiosi per il cliente". Precisano poi i Giudici che "al criterio della certezza degli effetti della condotta si può pertanto sostituire quello della probabilità di tali effetti e della idoneità della condotta a produrli".
Leggi la motivazione della sentenza
(16/05/2007 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Affitto: l'inquilino non ha l'obbligo di imbiancare casa a fine contratto
» Investigazioni e sicurezza: congresso a Roma con crediti formativi per avvocati

Newsletter f t in Rss