Sei in: Home » Articoli

Fallimento e cessazione dell'attività, piccolo imprenditore

La dimostrazione circa il diverso momento dell'effettiva cessazione dell'attività ex art. 10 l.f. può essere data solo con riguardo agli imprenditori individuali ed a quelli collettivi che siano stati cancellati d'ufficio mentre per le società che risultino ancora iscritte all'apposito registro il termine in questione comincia a decorrere dal momento della avvenuta cancellazione. Il mancato raggiungimento dei parametri dimensionali previsti dall'art. 1 l.f. comporta la sottrazione dell'imprenditore al fallimento senza che occorra ulteriormente indagare se costui sia da considerare piccolo alla stregua dei criteri previsti dall'art. 2083 c.c.
Leggi il testo della sentenza
(22/02/2007 - Roberto Cataldi)

In evidenza oggi:
» Arriva il bonus matrimonio fino a 20mila euro ma solo per chi si sposa in chiesa
» Il divario (in)conciliabile tra l'attività politica e l'onestà intellettuale
» Come si costituisce un condominio
» Avvocati: arriva l'abolizione del requisito dell'esercizio effettivo della professione?
» Cefalea malattia sociale: arriva l'assegno d'invaliditŕ
Newsletter f t in Rss