Sei in: Home » Articoli

Pensione di reversibilitÓ al coniuge divorziato: interpretazione autentica

In tema di concessione della pensione di reversibilitÓ al coniuge divorziato "la titolaritÓ" dell'assegno di cui all'articolo 5 della legge 898/1970 (c.d. assegno di mantenimento) si realizza mediante l'avvenuto riconoscimento dell'assegno medesimo da parte del tribunale. Nella fattispecie, una copiosa giurisprudenza si era creata in relazione alla titolaritÓ "astratta" dell'assegno di cui alla legge 898/70. Si pensava infatti che la mera condizione di vedova o vedovo legittimasse il diritto (seppure in forma astratta) all'assegno e la conseguente concessione della pensione di reversibilitÓ anche se in quota parte stabilita appunto dal giudice.(Ludovico de Grigiis) LaPrevidenza.it, 01/01/2006
Legge 28.12.2005, n. 263 - G.U. 28.12.2005, n. 30 - s.o. n. 208
(02/02/2006 - Laprevidenza.it)
Le pi¨ lette:
» Addio definitivo alla Siae
» Processo civile: nessun obbligo di depositare in appello il fascicolo di primo grado
» Come funziona la rottamazione "bis" delle cartelle
» Avvocati: ecco come effettuare il cumulo per andare in pensione prima
» Arriva lo stop per legge alle bollette a 28 giorni
In evidenza oggi
ResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitariaResponsabilitÓ medica: la Cassazione torna sull'onere probatorio della struttura sanitaria
Addio definitivo alla SiaeAddio definitivo alla Siae
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF