Sei in: Home » Articoli

Trasparenza negli appalti e casellario informatico

Il Garante per la protezione dei dati personali (Newsletter 20/30 giugno 2005) ha reso noto di aver stabilito che non contrasta con la normativa in materia di protezione dei dati personali iscrivere nel Casellario informatico delle imprese le informazioni relative ai "collegamenti sostanziali" tra società ed altri partecipanti a gare d’appalto e che è anche lecito porre tempestivamente questi dati a disposizione delle stazioni appaltanti (ministeri, comuni, enti ecc.). L’Autorità ha però precisato che mancando una base idonea per la diffusione di tali dati in Internet, dovranno essere quindi individuate con precisione le modalità per la diffusione stessa e verificati i tempi di conservazione delle informazioni.
Infine, il Garante ha reso noto che in attesa dell’adozione dei nuovi criteri, l’Autorità di vigilanza per i lavori pubblici ha sospeso la visibilità in Internet dei dati di un’impresa inseriti nel Casellario informatico, al quale si accede mediante il sito web della stessa Autorità.
(08/09/2005 - Avv.Cristina Matricardi)

In evidenza oggi:
» Le norme anti-divano del reddito di cittadinanza
» Addio alle memorie 183?
» La guida in stato di ebbrezza
» Cellulari: lo Stato deve informare sui rischi per la salute
» Esami avvocato, praticante ricorre e gli abbassano il voto, il Cds conferma
Newsletter f g+ t in Rss