Sei in: Home » Articoli

Cassazione: la normativa dell'annullamento per i vizi del consenso vale anche per la separazione consensuale

La Prima Sezione Civile della Corte di Cassazione (Sent. n. 17902/2004) ha stabilito che il coniuge separato può chiedere l'annullamento della separazione consensuale tutte le volte che il proprio consenso sia stato estorto con violenza o carpito con dolo. I Giudici del Palazzaccio hanno così precisato che l'annullamento per i cosiddetti "vizi del consenso" (errore, violenza e dolo) stabilito in materia di contratti, può essere applicato anche ai negozi di diritto familiare e in particolar modo alla separazione consensuale anche se omologata dal Tribunale. I Giudici hanno infatti osservato che nella separazione consensuale, la volontà dei coniugi nel separarsi e nel concordare le condizioni della separazione, ha un valore primario mentre la funzione del Giudice è limitata a un mero controllo che non può sostituire la volontà delle parti (fatta eccezione per quanto riguarda i provvedimenti nell'interesse dei figli minori).
Leggi la motivazione della sentenza
(09/11/2004 - Avv.Cristina Matricardi)
In evidenza oggi:
» Giustizia: arriva il processo civile "a fisarmonica"
» Notifiche: quando la colpa è dell'ufficiale giudiziario
» Quota 100: in pensione prima ma con assegno pił leggero
» Pensioni: arriva la tredicesima
» La prescrizione penale

Newsletter f g+ t in Rss