Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il giudice non può imporre all'imprenditore modifiche dell'assetto organizzativo

giudice sentenza martello
"Il giudizio sulla futura affidabilità del lavoratore licenziato non può essere espresso dal giudice violando i principi costituzionali da cui si desume che l'assetto organizzativo dell'impresa è, di regola, insindacabilmente stabilito dal datore di lavoro e che il giudice non può imporre all'imprenditore modifiche delle proprie scelte organizzative". Questo il principio di diritto enunciato dalla Corte di Cassazione che, con la sentenza n. 17093 dell'8 agosto 2011, ha cassato la decisione con cui i giudici di merito escludendo la lesione dell'elemento fiduciario, dichiaravano l'illegittimità del licenziamento disponendo la reintegra del lavoratore - licenziato per aver fatto delle avances verbali all'inquilina di uno stabile dove lavorava - e indicando anche le modalità di impiego del lavoratore per evitare il reiterarsi di episodi simili. La Suprema Corte ha altresì affermato che, in tema di licenziamento per giustificato motivo soggettivo, il giudice del merito compie un'attività di interpretazione giuridica e tale giudizio di valore deve essere effettuato dando conto del procedimento logico su cui si basa, nel rispetto delle nozioni di comune esperienza e con l'osservanza dei principi generali dell'ordinamento, con i quali invece collide la motivazione della sentenza del giudice d'appello nel caso di specie.
(10/08/2011 - L.S.)
In evidenza oggi:
» Fumo in spiaggia: i divieti dell'estate 2018
» Educazione civica a scuola: al via la raccolta firme
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» Buoni pasto a rischio per migliaia di lavoratori statali
» Manifestazioni pubbliche e sagre: le nuove regole

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss