Sei in: Home » Guide Legali » Eredità e successioni » Rinuncia all'eredità

La rinuncia all'eredità

Le successioni ereditarie

Cos'è e come funziona la rinuncia all'eredità, come si effettua la dichiarazione, quali sono gli effetti della rinuncia, la facoltà di revoca ed impugnazione

Ci sono casi in cui i chiamati all'eredità decidono di non volerla accettare, ad esempio nell'ipotesi in cui i debiti del de cuius siano superiori ai crediti. A costoro, viene in aiuto l'istituto della rinuncia all'eredità, ossia l'atto con il quale i chiamati all'eredità dichiarano di non volerla accettare. Tale atto consiste in una dichiarazione soggetta a determinate regole ed è sempre revocabile. 

Vediamo come funziona, dunque, la dichiarazione di rinuncia all'eredità, quali sono i suoi effetti, come revocarla e impugnarla e quali i riferimenti normativi. 

Indice:  


  1. La dichiarazione di rinuncia all'eredità
  2. Effetti della rinuncia
  3. Revoca e impugnazione della rinuncia all'eredità
  4. Riferimenti normativi


La dichiarazione di rinuncia all'eredità

[Torna su]


La rinuncia all'eredità è una dichiarazione formale, ricevuta da un notaio o dal cancelliere del Tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, con la quale l'erede impedisce l'ingresso, nel suo patrimonio, dei diritti derivanti dall'eredità. In merito alla forma, la Suprema Corte, nella sentenza 20.02.2013, n. 4274 ha ribadito la nullità della rinuncia senza l'osservanza della forma prescritta dall'art. 519 c.c.

La nullità della rinuncia

Come per l'accettazione, la legge prevede la nullità della rinuncia parziale, condizionata o a termine. Parimenti, il chiamato che rinuncia all'eredità viene considerato come se non fosse mai stato chiamato alla successione.

La forma della rinuncia

La rinuncia, a differenza dell'accettazione, non può avvenire tacitamente: la mancata accettazione del chiamato, infatti, non può qualificarsi come rinuncia. Il chiamato che nei dieci anni seguenti all'apertura della successione non rende nessuna dichiarazione di accettazione (e non compie atti di accettazione tacita), per effetto dello spirare del termine prescrizionale decennale, perde il diritto di accettare e rinunciare.

I soggetti legittimati alla rinuncia

I soggetti legittimati alla rinuncia sono i medesimi che hanno il diritto di accettare, ossia i delati all'eredità (non sono delati i nascituri, gli eredi sotto condizione sospensiva, i chiamati ulteriori, ecc.).


Effetti della rinuncia

[Torna su]

Con la rinuncia all'eredità il chiamato perde i poteri di cui era titolare ex art. 460 c.c. e viene considerato come se non fosse mai stato chiamato alla successione.

A seguito della dichiarazione di rinuncia, il rinunciante ha comunque facoltà di ritenere le donazioni a lui fatte, in vita, dal de cuius ed ha facoltà di domandare il legato, il tutto nei limiti della quota disponibile.

Quid iuris della quota rinunciata dall'erede?
In merito è necessario operare alcune distinzioni.
Nelle successioni legittime:

  1. il rinunciante ha dei discendenti: in tal caso, per rappresentazione, i discendenti potranno accettare la quota rinunciata dal proprio ascendente;

  2. il rinunciante non ha discendenti (o i discendenti non voglio venire alla successione) ma ha ascendenti: il tal caso la quota si devolve agli ascendenti, identificati ai sensi dell'art. 569 c.c.;

  3. il rinunciante non ha né discendenti, né ascendenti ma vi sono altri coeredi: in tal caso la quota si accrescerà agli altri coeredi;

  4. Il rinunciante non ha parenti in linea retta né coeredi: in tal caso l'eredità si devolve a coloro ai quali spetterebbe nel caso egli mancasse.

Nelle successioni testamentarie sono possibili, invece, le seguenti ipotesi:

  1. il testatore può aver disposto, del caso in cui l'erede rinunzi, mediante una sostituzione ordinaria;

  2. può aver luogo, di diritto, la rappresentazione;

  3. può operare l'accrescimento tra coeredi, nel caso concorrano i presupposti di cui all'art. 674 c.c. (istituzione nello stesso testamento, nell'universalità di beni, senza determinazioni di parti o in parti uguali);

  4. può operare la devoluzione agli eredi legittimi.


Revoca e impugnazione della rinuncia all'eredità

[Torna su]
L'ordinamento concede la possibilità a chi ha rinunciato all'eredità di revocare tale sua decisione attraverso la revoca della rinuncia stessa. Allo stesso modo, concede, ai creditori che abbiano subito danni dalla rinuncia, la facoltà di farsi autorizzare ad accettare l'eredità rinunciata allo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari. 

Per approfondire i due istituti, vai alle guide: 
» La revoca della rinuncia
» L'impugnazione della rinuncia all'eredità

Riferimenti normativi

Codice civile: Capo VII - Della rinunzia all'eredità


Art. 519. Dichiarazione di rinunzia

La rinunzia all'eredità deve farsi con dichiarazione, ricevuta da un notaio o dal cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, e inserita nel registro delle successioni.
La rinunzia fatta gratuitamente a favore di tutti coloro ai quali si sarebbe devoluta la quota del rinunziante non ha effetto finché, a cura di alcuna delle parti, non siano osservate le forme indicate nel comma precedente.

Art. 520. Rinunzia condizionata, a termine o parziale

È nulla la rinunzia fatta sotto condizione o a termine o solo per parte.

Art. 521. Retroattività della rinunzia

Chi rinunzia all'eredità è considerato come se non vi fosse mai stato chiamato.
Il rinunziante può tuttavia ritenere la donazione o domandare il legato a lui fatto sino alla concorrenza della porzione disponibile, salve le disposizioni degli articoli 551 e 552.

Art. 522. Devoluzione nelle successioni legittime

Nelle successioni legittime la parte di colui che rinunzia si accresce a coloro che avrebbero concorso col rinunziante, salvo il diritto di rappresentazione e salvo il disposto dell'ultimo comma dell'articolo 571. Se il rinunziante è solo, l'eredità si devolve a coloro ai quali spetterebbe nel caso che egli mancasse.

Art. 523. Devoluzione nelle successioni testamentarie

Nelle successioni testamentarie, se il testatore non ha disposto una sostituzione e se non ha luogo il diritto di rappresentazione, la parte del rinunziante si accresce ai coeredi a norma dell'articolo 674, ovvero si devolve agli eredi legittimi a norma dell'articolo 677.

Art. 524. Impugnazione della rinunzia da parte dei creditori

Se taluno rinunzia, benché senza frode, a un'eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare la eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti.
Il diritto dei creditori si prescrive in cinque anni dalla rinunzia.

Art. 525. Revoca della rinunzia

Fino a che il diritto di accettare l'eredità non è prescritto contro i chiamati che vi hanno rinunziato, questi possono sempre accettarla, se non è già stata acquistata da altro dei chiamati, senza pregiudizio delle ragioni acquistate da terzi sopra i beni dell'eredità.

Art. 526. Impugnazione per violenza o dolo

La rinunzia all'eredità si può impugnare solo se è l'effetto di violenza o di dolo.
L'azione si prescrive in cinque anni dal giorno in cui è cessata la violenza o è stato scoperto il dolo.

Art. 527. Sottrazione di beni ereditari

I chiamati all'eredità, che hanno sottratto o nascosto beni spettanti all'eredità stessa, decadono dalla facoltà di rinunziarvi e si considerano eredi puri e semplici nonostante la loro rinunzia.
Condividi
Seguici
Feedback

Newsletter f g+ t in Rss