La diffida ad adempiere

Cos'è la diffida ad adempiere, come deve essere redatta, quali elementi la caratterizzano e in cosa si distingue dalla messa in mora. Guida e modello di diffida

Vedi anche:
Indice delle guide legali
Formulario giuridico

La diffida ad adempiere, come suggerisce il nome stesso, è l'intimazione che una parte fa a un altro soggetto affinché adempia un determinato obbligo contrattuale entro un certo termine. 

Una situazione tipica per la quale si ricorre alla diffida ad adempiere è quella che vede un soggetto da una parte e un fornitore di un bene o di un servizio dall'altra: il fornitore, non avendo adempiuto a uno o più punti del contratto stipulato, si viene a trovare in difetto con il destinatario della fornitura. Generalmente dopo ripetuti e inutili solleciti, il destinatario della fornitura decide quidi di dare all'altra parte una sorta di "ultimatum". Ed è in questo caso che la legge gli riconosce la possibilità di avvalersi della diffida ad adempiere, una forma particolare di tutela che rientra negli atti unilaterali e ricettizi di autonomia privata. 

Indice:

  1. La diffida ad adempiere nel codice civile
  2. La diffida ad adempiere: il termine
  3. Diffida ad adempiere e messa in mora
  4. Il contenuto della diffida ad adempiere 

La diffida ad adempiere nel codice civile

[Torna su]

La diffida ad adempiere è regolata dall'articolo 1454 del Codice Civile, che così recita:

"Alla parte inadempiente l'altra può intimare per iscritto di adempiere in un congruo termine, con dichiarazione che, decorso inutilmente detto termine, il contratto s'intenderà senz'altro risoluto.

Il termine non può essere inferiore a quindici giorni, salvo diversa pattuizione delle parti o salvo che, per la natura del contratto o secondo gli usi, risulti congruo un termine minore.

Decorso il termine senza che il contratto sia stato adempiuto, questo è risoluto di diritto".

La diffida ad adempiere: il termine

[Torna su]

Come si vede, tale articolo prevede che chi ricorre alla diffida ad adempiere deve assegnare all'altra parte un termine congruo per porre rimedio alla propria inadempienza, decorso il quale il contratto si intenderà risolto di diritto.

La norma dà anche indicazioni più precise sulla durata del termine, stabilendo che, come regola generale, lo stesso non debba essere inferiore ai quindici giorni. Resta tuttavia ferma la possibilità per le parti di stabilire un termine minore, che è ammesso anche se la natura del contratto o gli usi lo rendono comunque congruo.

Diffida ad adempiere e messa in mora

[Torna su]

Chi invia una diffida ad adempiere deve essere consapevole degli effetti giuridici che essa produce. A differenza di quanto avviene con una normale raccomandata con cui si invita l'altra parte a eseguire il proprio impegno, infatti, la diffida ad adempiere è un atto che deve palesare anche la volontà di sciogliere il contratto se l'altra parte non adempie nel termine assegnato.

Occorre pertanto non limitarsi a prendere in considerazione l'ipotesi che il soggetto inadempiente si attivi e adempia la sua prestazione, potendo ben accadere che egli ignori la diffida e lasci che il contratto si risolva di diritto.

Tale elemento distingue la diffida ad adempiere da un'altra tipica lettera che si invia ai soggetti inadempienti: la messa in mora

Quest'ultima, infatti, prevede la fissazione di un termine per l'adempimento, decorso inutilmente il quale lo scrivente ricorrerà alle vie legali per veder tutelati i propri interessi. La conseguenza del persistente inadempimento non è quindi la risoluzione del contratto ma il ricorso alla giustizia.

Il contenuto della diffida ad adempiere 

[Torna su]

Tornando alla diffida ad adempiere, questa deve essere inviata per posta raccomandata con ricevuta di ritorno e deve contenere nello specifico:

1) l'intimazione ad adempiere;

2) l'indicazione di un termine adeguato (minimo 15 giorni);

3) la dichiarazione che il contratto si intende risolto in caso di inadempimento.

La dichiarazione secondo cui in caso di inadempimento il contratto si risolve di diritto deve essere riportata a chiare lettere, essendo questa, come visto, la caratteristica distintiva di ogni diffida ad adempiere. Si potrà inoltre manifestare l'intenzione di prendere iniziative legali in caso di inadempimento per ottenere il risarcimento del danno eventualmente subito. 

Fac-simile di diffida ad adempiere

[Torna su]

Esistono diversi fac-simile che possono essere utilizzati per redigere una diffida ad adempiere; caratteristiche comuni sono l'intestazione con le generalità del soggetto, il riepilogo degli accadimenti, l'intimazione ad agire entro un certo termine e l'eventuale riserva di esperire azioni legali in caso di persistente inadempimento.

Di seguito, vi proponiamo un modello di diffida ad adempiere da inviare con raccomandata A/R.


 

Spett.le

 ____________

____________

Luogo, data

 

Io/la sottoscritto/a ______________ nato/a il ______________, a ______________ e residente in ______________ alla via ______________, formulo/a la presente per significare quanto segue.

 

Premesso che:

 

1) in data _______ stipulavo con Voi il contratto/ordine __________ (breve descrizione dell'oggetto del contratto);

 

2) a tutt'oggi non risulta ancora da Voi adempiuto il contratto e, in particolare, la seguente prestazione a Vostro carico: ________ (indicare eventualmente la prestazione richiesta/non ricevuta e le caratteristiche dell'inadempimento di controparte). L'inadempimento è addebitabile unicamente a Vostra esclusiva colpa, essendo peraltro già trascorso un congruo termine per l'adempimento, che era stato stabilito il ________________ (inserire eventualmente la data di adempimento, se concordata) e già sollecitato in altre occasioni ________________ (inserire i riferimenti ad eventuali solleciti precedentemente inviati).

Tutto ciò premesso e considerato, con la presente Vi intimo e diffido ad adempiere, ai sensi e per gli effetti dell'art. 1454 c.c., entro e non oltre 15 giorni dal ricevimento della presente, avvertendoVi che, decorso inutilmente tale termine, il contratto s'intenderà automaticamente risolto di diritto , con riserva di agire presso le competenti sedi per il risarcimento di tutti i danni subiti e subendi e con ulteriore aggravio di spese a Vostro carico.

Con ogni più ampia riserva di diritti, ragioni e azioni.

Distinti saluti.

Firma __________________


Aggiornamento: agosto 2018

Vedi anche:
- Modello di lettera di messa in mora

Vai a: Indice delle guide legali - Formulario giuridico