Il portale telematico del processo penale non funziona e i penalisti chiedono l'intervento della ministra Cartabia per garantire l'esercizio del diritto di difesa

Penalisti in sciopero

[Torna su]

L'Unione delle Camere penali italiane proclama tre giorni di sciopero dalle udienze. Secondo le vigenti regole di autoregolamentazione e nel rispetto delle pronunce della Corte Costituzionale - si legge sul sito - ed in attesa di una certa e più consolidata loro interpretazione con esclusione dei processi contro imputati detenuti in custodia cautelare, l'astensione dalle udienze e da ogni attività giudiziaria nel settore penale per i giorni 29, 30, 31 marzo 2021.

L'emergenza legata al portale telematico

[Torna su]

Nella lettera inviata alla ministra della Giustizia Marta Cartabia, i penalisti chiariscono che, alle problematiche legate all'emergenza sanitaria si aggiungono anche quelle relative al. "portale del penale". «È evidente e da tutti condiviso che nel tempo l'attività tecnica della difesa penale si potrà e dovrà appoggiare a tutte le possibili forme di digitalizzazione: depositi via pec, accreditamento e accesso ai portali anche per la consultazione dei fascicoli processuali, facilitazioni delle interlocuzioni con Pubblici Ministeri e Giudici, notifiche e così via. Ma questa non è certo la situazione dell'oggi». Il perché è subito spiegato: «Il portale ufficializzato è solo quello delle Procure della Repubblica. Il sistema nasce già obsoleto, ma soprattutto presenta continui guasti e inconvenienti tecnici, che ne impediscono il funzionamento: i difensori non possono accreditarsi e ciò mette a repentaglio il rispetto dei termini processuali, i Pubblici Ministeri non hanno tempestiva contezza delle iniziative della difesa. Il deposito nel portale non è corredato da idonea certificazione comprovante l'esito positivo delle operazioni. Spesso, intervenuto il deposito della nomina, è comunque impossibile accedere al fascicolo.

Penalisti e proteste già in atto

[Torna su]

L'Unione delle camere chiarisce inoltre che già singoli difensori nei diversi procedimenti e le Camere penali territoriali «hanno assunto iniziative di protesta e segnalato ai capi degli Uffici di procura la impossibilità pratica di esercitare le prerogative collegate alla fase procedimentale».

Su questo pesano «le prese di posizione dei Procuratori, che hanno agito a macchia di leopardo: in alcuni casi si è negata l'esistenza del problema, in altri si è attribuito il cattivo funzionamento del meccanismo alla incapacità tecnica degli avvocati. In alcune sedi si è giunti ad autorizzare anche le forme di deposito tradizionale, salvo paventare il concreto rischio di future declaratorie di inammissibilità. L'impossibilità di accedere anche alle modalità tradizionali di deposito e accesso ai fascicoli, in presenza di un evidente malfunzionamento dei portali, sta determinando una grave lesione dei diritti dei cittadini sottoposti a procedimento penale e delle persone offese che non vedono garantita la loro rappresentanza e la loro difesa tecnica». Considerata dunque la «perdurante mancanza di una iniziativa diretta del Governo che consenta di realizzare da subito il doppio regime, la Giunta dell'Unione delle Camere Penali Italiane».


In evidenza oggi: