La Corte di Cassazione (Sentenza 16202/2007) pronunciandosi in merito ad un giudizio di responsabilità del costruttore per i difetti riscontrati sull'immobile ha chiarito che i giudici di merito, quando sono chiamati ad accertare le responsabilità che derivano dalla rovina o da gravi difetti dell'opera "non può limitarsi a riscontrare che l'opera non è stata eseguita "in economia", ma deve verificare, quando alla realizzazione abbiano contribuito una pluralità di soggetti, se ed in quali specifici limiti la costruzione sia a ciascuno di essi materialmente od ideologicamente attribuibile" Solo a seguito di questa ferifica può dunque valutare le eventuali responsabilità personali o concorrenti di ciascuno.
La Corte, nel caso preso in esame, ha rilevato che i Giudici di merito non si erano conformati a questi principi avendo attribuito ad una delle parti in causa la qualità di semplice committente dell'appalto, per non avere fornito nè mezzi e nè manodopera propria, "senza compiere alcuna indagine in ordine alla riferibilità ad essa del progetto e della direzione dei lavori e ai suoi poteri di ingerenza nella costruzione e, in genere, sulla sussistenza delle ulteriori condizioni necessarie ad escludere, di fatto ed a termini del contratto di appalto, la riconducibilità degli accertati difetti dell'edificio anche ad una sua condotta o di quella di ausiliari della cui attività doveva rispondere".
Vale la pena richiamare il contenuto della norma presa in considerazione dalla Corte (Art. 1669 del codice civile) che recita:
"Quando si tratta di edifici o di altre cose immobili destinate per la loro natura a lunga durata, se, nel corso di dieci anni dal compimento, l'opera, per vizio del suolo o per difetto della costruzione, rovina in tutto o in parte, ovvero presenta evidente pericolo di rovina o gravi difetti, l'appaltatore è responsabile nei confronti del committente e dei suoi aventi causa, purchè sia fatta la denunzia entro un anno dalla scoperta.
Il diritto del committente si prescrive in un anno dalla denunzia".
Vai alla motivazione della sentenza
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: