Previsto l'obbligo di comunicazione all'Agenzia delle Entrate dell'anno di locazione e dei dati catastali dell'abitazione

Affitti brevi, obbligo di comunicazione

[Torna su]

Tante novità per il 2023 sugli affitti cd. brevi. Dal prossimo anno, sarà in vigore l'obbligo di comunicazione all'Agenzia delle Entrate dell'anno di locazione e dei dati catastali dell'appartamento affittato. A stabilirlo è il provvedimento del 17 marzo 2022 dell'agenzia (in allegato). L'obbligo riguarda anche i contratti di locazione breve sottoscritti con l'intervento di intermediari immobiliari o di coloro che gestiscono portali telematici. Il provvedimento interviene come "disposizioni di attuazione dell'articolo 4, commi 4, 5 e 5-bis del decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito, con modificazioni dalla legge 21 giugno 2017, n. 96, recante disposizioni urgenti in materia finanziaria, iniziative a favore degli enti territoriali, ulteriori interventi per le zone colpite da eventi sismici e misure per lo sviluppo".

Gli elementi della comunicazione

[Torna su]

Dal prossimo anno sarà necessario comunicare all'Agenzia delle Entrate anche di due nuovi elementi: l'anno di locazione e i dati catastali dell'appartamento affittato.

L'obbligo riguarda anche i contratti di locazione sottoscritti con l'intervento di intermediari immobiliari o di coloro che gestiscono portali telematici. In particolare il riferimento è ai contratti di affitto non superiori a 30 giorni relativi a immobili a uso abitativo, stipulati da persone fisiche, al di fuori dell'esercizio di attività d'impresa, anche se includono la fornitura di biancheria e la pulizia della casa.

Ad essi sono equiparati i contratti di sublocazione e di concessione in godimento a terzi a titolo oneroso. In questo caso devono essere stipulati da persone fisiche, direttamente o tramite intermediari immobiliari. La scadenza da tenere in considerazione è quella del 30 giugno dell'anno successivo alla data della stipula del contratto di affitto.

Motivazioni del provvedimento

[Torna su]

L'integrazione del contenuto della comunicazione serve a poter meglio individuare gli elementi del contratto di locazione breve, con riguardo al periodo durante il quale l'immobile risulta locato ed alla identificazione dell'immobile in presenza di più contratti relativi allo stesso soggetto locatore. Nello specifico, i dati catastali, la cui indicazione è prevista, in sede di prima applicazione, come facoltativa, risultano funzionali a identificare puntualmente, in base alle risultanze del catasto edilizio urbano, l'immobile oggetto di locazione breve e i relativi intestatari catastali.

Modalità di comunicazione

[Torna su]

La comunicazione deve essere predisposta e trasmessa attraverso i servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate, in conformità alle specifiche tecniche che saranno pubblicate sul sito internet ed eventualmente aggiornate con apposito comunicato.

Scarica pdf provvedimento Ag. Entrate 17.3.2022

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: