La leva finanziaria è un istituto che permette di acquistare attività finanziarie ricorrendo a terzi, vincolando solo una piccola parte del proprio capitale
dollari in mazzette

Cos'è la leva finanziaria

[Torna su]

La leva finanziaria, nota anche con il termine "leverage", è un meccanismo che permette di investire su un prodotto (cd. prodotto a leva) versando solo una minima parte del valore della posizione e utilizzando, per il resto, il capitale messo a disposizione da un terzo (il broker).

Nonostante ciò, il profitto (ma anche la perdita) è basato sull'intera posizione, con la conseguenza che, considerando il proprio capitale investito, il suo ammontare potrebbe sembrare molto elevato.

Insomma: l'amplificazione dei guadagni rappresenta il principale vantaggio del ricorso alla leva finanziaria, al quale fa tuttavia da contraltare il principale rischio rappresentato dall'amplificazione anche delle perdite.

Come funziona la leva finanziaria

[Torna su]

La leva finanziaria si fonda sul concetto di margine, da intendersi come l'importo trattenuto dal conto ad opera del broker per poter aprire una posizione sul mercato.

In sostanza, se, in assenza di leva, per aprire una posizione per 50.000 euro dovremmo avere a disposizione sul conto l'intera cifra, con una leva, ad esempio, di 1:100, basta il margine di 500 euro.

Leva finanziaria: chi la utilizza

[Torna su]

La leva finanziaria, come si vede, è un meccanismo molto rischioso ma che può portare anche grandi guadagni.

Per tale ragione, a esso fanno ricorso soprattutto gli investitori esperti che, sfruttando il meccanismo in analisi, possono mantenere nel portafoglio una maggiore liquidità e, in tal modo, investire su più mercati, diversificando il proprio capitale.

Trading

[Torna su]

La leva finanziaria è molto diffusa nel trading online. I principali prodotti a leva sono i future, i forex, gli ETF e i CFD.

Anche in tale settore, infatti, la leva consente un'esposizione al mercato per un quantitativo di denaro superiore a quello disponibile sul proprio conto, ottenendo una somma in prestito dall'intermediario.

Ciò sempre con la possibilità di conseguire ampi profitti e con il rischio di subire grandi perdite.

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: