Sarà possibile grazie all'accordo siglato da Tim con accordo con Eutelsat Communications per ampliare la propria offerta di servizi
Rappresentazione grafica di internet a banda larga

Banda ultra larga, Tim-Eutelsat accordo da 150 milioni di euro

[Torna su]

Un accordo strategico da 150 milioni di euro firmato da Tim-Eutelsat consentirà alle famiglie italiane, anche a quelle che vivono nelle zone più isolate, di avere connessioni a banda larga fissa ad altissima velocità via satellite da gennaio 2021. Si tratta di un contratto finalizzato ad allargare l'offerta Tim dei servizi in banda ultra larga attraverso la tecnologia satellitare. L'obiettivo è chiudere progressivamente il digital divide in Italia a partire dal 2021 e coprire in questo modo anche le zone più isolate e remote d'Italia. L'accordo prevede l'acquisto da parte di Tim dell'intera capacità di trasmissione per l'Italia sui due nuovi satelliti ad altissime prestazioni che Eutelsat ha attivato e attiverà nei prossimi mesi: il satellite KONNECT per la distribuzione della banda ultralarga satellitare e, successivamente, il satellite KONNECT VHTS che, una volta entrato in funzione, grazie alla sua maggiore capacità, consentirà di offrire connessioni ancora più performanti fino a 200 Mbps e a un numero maggiore di clienti.

Banda ultra larga, come funziona

[Torna su]

Banda larga (dall'inglese broadband) significa, in telecomunicazioni e in ambito informatico e di reti e internet, utilizzare mezzi e sistemi di telecomunicazione che sfruttano un ampiezza di banda maggiore dell'ampiezza di banda delle reti dei precedenti mezzi di telecomunicazione (ovvero a banda stretta, narrowband), per trasmettere, inviare e ricevere dati. Per mezzo della banda larga è possibile avere connessioni internet più veloci, ascoltare la radio, fare telefonate e inviare e ricevere dati attraverso le linee telefoniche e di telecomunicazione in maniera molto più rapida e funzionale rispetto alle vecchie reti e sistemi a banda stretta.

Gubitosi lancia "Tim Ovunque"

[Torna su]

A spiegare l'accordo epocale ci pensa Luigi Gubitosi, ceo di Telecom Italia: «Abbiamo siglato un accordo per offrire in Italia una tecnologia non ancora presente, il satellite. Con l'accordo fatto con Eutelsat lanceremo il servizio che abbiamo chiamato "Tim ovunque"». La presentazione è avvenuta nel corso dell'assemblea annuale dell'Anci, insieme ai punti chiave della nuova connessione via satellite per la banda larga in Italia.

«Arriverà ovunque: dall'isola di Montecristo alle baita di alta montagna. A fine 2022, quando avremo ulteriori satelliti, il servizio sarà completo su tutto il continente e sulle isole. Potremo essere ovunque».

Condividi
Feedback

In evidenza oggi: