Le interruzioni di corrente elettrica, ove improvvise e prolungate, possono cagionare danni e dare diritto a risarcimento
elettricità corrente contatore bollette

Mancanza di corrente: quali danni?

[Torna su]

Di solito, i gestori dei servizi di corrente elettrica, laddove abbiano necessità di interrompere la fornitura per poter effettuare riparazioni o interventi di manutenzione, avvisano gli utenti del giorno e dell'orario in cui avverrà la sospensione, in maniera tale da permettere loro di organizzarsi ed evitare che si verifichino danni.

Se, invece, le interruzioni sono improvvise, è possibile che gli utenti subiscano pregiudizi, anche molto ingenti.

Ad esempio, può accadere che gli elettrodomestici perdano la loro programmazione, i computer si danneggino irreparabilmente, le sveglie e gli orologi digitali smettano di funzionare.

Insomma: la mancanza di corrente può colpire in maniera pesante tutti i dispositivi elettrici.

Danni ad attività e fabbriche

[Torna su]

Se, poi, a subire la mancanza improvvisa e prolungata della corrente elettrica è un esercizio commerciale, un ristorante o una fabbrica, i danni possono essere ancora maggiori, con serie minacce per l'attività svolta o gli incassi della giornata.

Danni da mancanza di corrente: cosa fare

[Torna su]

Chi subisce un danno da mancanza di corrente deve, per prima cosa, inviare un reclamo scritto al fornitore o al distributore di energia, lamentando l'accaduto. Questi è tenuto a rispondere: se non lo fa o lo fa in maniera insoddisfacente, si può tentare la conciliazione. L'ultima possibilità che resta è quella di adire le vie legali, tenendo conto del fatto che la prova del nesso di causalità tra la mancanza di corrente e il danno grava sull'utente e del fatto che spesso nei contratti di energia elettrica sono inserite clausole che limitano la responsabilità del fornitore o del distributore per le interruzioni improvvise di corrente.

Mancanza di corrente: rimborsi automatici

[Torna su]

In ogni caso, la mancanza di corrente dà luogo a dei rimborsi automatici, stabiliti dall'Autorità per l'energia elettrica e il gas, che scattano quando le interruzioni superano la durata massima prevista per il ripristino.

Tempistiche per il ripristino

In particolare, le tempistiche per il ripristino delle utenze a bassa tensione sono pari a:

  • 8 ore, se il Comune ha più di 50mila abitanti;
  • 12 ore, se il Comune ha fino a 50mila abitanti.

Le tempistiche per il ripristino delle utenze a media tensione, invece, sono pari a:

  • 4 ore, se il Comune ha più di 50mila abitanti;
  • 6 ore, se il Comune ha fino a 50mila abitanti.

Importo del rimborso

Superate tali tempistiche, scatta automaticamente un rimborso pari a:

  • 30 euro, per i clienti con potenza non superiore a 6 kW, aumentati di 15 euro ogni ulteriori 4 ore, fino a massimo 300 euro;
  • 150 euro, per i clienti con potenza superiore a 6kW e di massimo 100kW, aumentati di 75 euro ogni ulteriori 4 ore, fino a massimo 1.000 euro.

In caso di black out, sono possibili rimborsi straordinari.

Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

In evidenza oggi: