In tema di inadempimento delle obbligazioni di diligenza sanitaria il danno non è la lesione dell'interesse al perseguimento delle leges artis
un medico con stetoscopio mostra un cuore

L'interesse primario nella responsabilità medica

[Torna su]

Per la Corte di cassazione, come ribadito nella pronuncia n. 11599/2020 qui sotto allegata, quando le obbligazioni di diligenza professionale del medico non sono correttamente adempiute, a venire in rilievo come danno è la lesione del diritto alla salute, da intendersi come interesse primario presupposto a quello regolato contrattualmente.

Non rileva, invece, il perseguimento delle leges artis nella cura del creditore, che è l'interesse strumentale che l'obbligazione è preposta a soddisfare.

L'onere della prova

[Torna su]

Da ciò discende che, se è dedotta una responsabilità contrattuale derivante dall'inadempimento della prestazione di diligenza professionale e dalla lesione del diritto alla salute, il danneggiato deve provare il nesso di causalità tra l'aggravamento o l'insorgenza di una situazione patologica e la condotta del sanitario, potendo a tal fine ricorrere anche a presunzioni.

A fronte di tale prova, la parte debitrice è invece tenuta a dimostrare che l'esatta esecuzione della prestazione è stata resa impossibile da una causa imprevedibile ed inevitabile.

I protocolli previsti in ospedale non bastano

[Torna su]

A tale ultimo proposito, come emerge chiaramente dalla pronuncia in commento, la semplice produzione dei protocolli previsti in ospedale non basta: si tratta di una documentazione non sufficiente a integrare la prova liberatoria, da parte della struttura sanitaria, che il danno lamentato dal paziente si è verificato per una causa a sé non imputabile.

Scarica pdf sentenza Cassazione n. 11599/2020
Vedi anche:
La raccolta di articoli in materia di responsabilità medica
La Guida Legale sulla responsabilità medica
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: