L'Amministrazione militare, dopo l'annullamento di un proprio atto, può rinnovare il procedimento per una sola volta
fascicolo legge militare

Rinnovazione del procedimento

[Torna su]
L'Amministrazione, a seguito dell'annullamento di un proprio atto, può rinnovare il procedimento per una sola volta.
In sostanza, deve riesaminare l'affare sottoposto al suo vaglio nella sua interezza, sollevando definitivamente tutte le questioni rilevanti e senza poter tornare a decidere in senso sfavorevole, neppure in relazione a profili non ancora esaminati.

La decisione del Consiglio di Stato

[Torna su]
Il principio è stato scolpito dalla sentenza n. 3095 del 15 maggio 2020 della Quarta Sezione del Consiglio di Stato.
Nel caso pratico trattato dal Supremo Consesso l'Amministrazione, in esecuzione di una sentenza, ha riformulato le note caratteristiche di un militare, mantenendo il giudizio finale di superiore alla media e variando in peggio, rispetto alla precedente scheda, solo le voci interne relative a qualità fisiche e capacità di espressione.
Il militare ha proposto quindi un ricorso in ottemperanza, deducendo la nullità del nuovo provvedimento e chiedendo la nomina di un commissario ad acta.
La sostanza ed in estrema sintesi, il decisum è il seguente.
Il Collegio ha colto un contraddittorio comportamento dei compilatori i quali, da un lato hanno modificato il giudizio su voci interne del tutto estranee al giudicato e non toccate dalla precedente controversia; dall'altro non hanno dato alcun seguito ai rilievi precisi contenuti nella sentenza di partenza, rilievi che avevano formato la base per l'annullamento della scheda valutativa.

Elusione del giudicato

[Torna su]
Tradotto nei suoi termini essenziali: l'attività posta in essere dall'Amministrazione militare ha configurato un caso di violazione del giudicato siccome ha riproposto immutate le valutazioni che erano state già annullate, oltre a un caso di elusione del giudicato perchè ha mantenuto il risultato finale negativo modificando in peggio alcune voci interne estranee alla lite di base.
Conclusivamente il nuovo provvedimento, stando alla chiara sentenza del Consiglio di Stato, era da considerarsi nullo ex art. 114 comma 4 lett. b) c.p.a.

Altre informazioni?
Contatta l'Avv. Francesco Pandolfi
3286090590
avvfrancesco.pandolfi66@gmail.com
Francesco Pandolfi
Francesco Pandolfi | Avvocato
E-mail: francesco.pandolfi66@gmail.com - Tel: 328.6090590
Recapiti: Via Giacomo Matteotti 147, 4015 Priverno LT
Si occupa principalmente di Diritto Militare in ambito amministrativo, penale, civile e disciplinare ed и autore di numerose pubblicazioni in materia.
Altre informazioni su questo argomento? Richiedi una consulenza all'Avv. Pandolfi
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: