Dal 13 marzo 2020 si potrà accedere a tutti i servizi online del ministero del Lavoro soltanto con Spid. Ecco come fare
identità digitale su internet

di Gabriella Lax - Non sarà più possibile utilizzare le credenziali del portale Cliclavoro. Il ministero del Lavoro semplifica le cose e, dal 13 marzo prossimo, l'unica modalità per accedere sarà lo Spid.

Accesso unico

[Torna su]

Come riferisce il sito del ministero, a partire dal 13 marzo 2020 si accede a tutti i servizi online del ministero del Lavoro esclusivamente tramite SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. Di conseguenza, non sarà più possibile utilizzare le credenziali del portale Cliclavoro. Ma non solo. Lo stesso succede per tutti gli altri servizi web gestiti dal ministero del Lavoro.

Spid è la soluzione che consente di accedere ai servizi digitali della Pubblica Amministrazione attraverso un pin unico e univoco di identificazione (composto da username e password), utilizzabile da computer, tablet e smartphone.

Come richiedere lo Spid

[Torna su]

In particolare, per richiedere lo spid, per i residenti in Italia sarà necessario: un indirizzo e-mail; il numero di telefono del cellulare usato normalmente; un documento di identità valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente, permesso di soggiorno); la tessera sanitaria con il codice fiscale.

Nel caso di residenza all'estero invece servirà sempre un indirizzo e-mail; il numero di telefono del cellulare usato normalmente; un documento di identità italiano valido (uno tra: carta di identità, passaporto, patente); il codice fiscale.

Scegliere tra gli Identity provider

[Torna su]

Il passo successivo è scegliere uno degli 8 Identity provider e registrarsi sul loro sito: inserendo i dati anagrafici; creando le credenziali spid; effettuando il riconoscimento. Da questo momento in poi i tempi di rilascio dell'identità digitale dipendono dai singoli Identity Provider.

Per approfondire vai alle nostre guide Lo Spid e Come ottenere lo Spid

Condividi
Feedback

(12/02/2020 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Giustizia: stop udienze fino all'11 maggio
» Gli avvocati sono dalla parte dei medici