Responsabilità medica: danni per un paziente su dieci

Condividi
Seguici

Il 6% delle giornate di degenza ospedaliera deriva da eventi avversi durante le cure, ma seguendo le raccomandazioni il rischio potrebbe essere dimezzato
un cuore con uno stetoscopio su un tavolo

di Valeria Zeppilli - Un paziente su dieci, tra quelli ospedalizzati, va incontro a eventi avversi. Parola dell'Istituto Superiore di Sanità, per il quale proprio tale problematica è alla base della scelta di istituire una giornata sulla sicurezza dei pazienti, celebrata per la prima volta in Italia il 17 settembre 2019.

  1. Le stime dell'OCSE
  2. L'importanza della prevenzione
  3. Consapevolezza, segnalazione e collaborazione

Le stime dell'OCSE

Il problema è di rilevanza globale: la decisione di focalizzare l'attenzione sulla sicurezza delle cure, infatti, è dell'OMS ed è subito stata sposata dall'Italia.

Secondo le stime dell'OCSE, il 6% delle giornate di degenza ospedaliera deriva proprio da eventi avversi cagionati da attività ambulatoriale e cure primarie.

E l'OMS rincara la dose: gli eventi avversi di questo tipo rientrano tra le prime 10 cause di morte e disabilità nel mondo.

L'importanza della prevenzione

Come sottolineato dal presidente dell'ISS nel corso del suo intervento al Ministero della salute, in occasione proprio della prima giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, sebbene non esistano evidenze che il rischio che si verifichino questi eventi possa essere azzerato del tutto, è comunque possibile che li stessi siano prevenuti in una percentuale stimata attorno al 40-50%. Il presupposto, per raggiungere tale obiettivo, è quello di applicare correttamente le raccomandazioni specifiche che emergono dagli studi scientifici.

Consapevolezza, segnalazione e collaborazione

Affinché la prevenzione possa funzionare al meglio, poi, è fondamentale che le organizzazioni e i professionisti, ma anche i pazienti, abbiano consapevolezza del rischio che accompagna le diverse pratiche clinico-assistenziali, lo segnalino ogniqualvolta si manifesti e collaborino e adottino tutte le misure necessarie per prevenirlo.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(19/09/2019 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Danno biologico: via libera alle nuove tabelle, indennizzi aumentati del 40%
» Tassa sulla plastica, si pagherà un euro al chilo

Newsletter f t in Rss