Il colosso dell'e-commerce ha annunciato che donerà i resi o i prodotti invenduti ad organizzazioni benefiche
acquisti online su Amazon

di Redazione - Amazon darà in beneficenza i resi e gli articoli invenduti. Inizialmente le donazioni alle organizzazioni benefiche avverranno negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Lo ha annunciato il colosso dell'e-commerce nei giorni scorsi, come riporta ItaliaOggi.

All'inizio del 2019 un'inchiesta aveva accusato il gigante di Jeff Bezos di distruggere milioni di prodotti, soprattutto in Francia e Amazon aveva replicato su Twitter che "solo una piccola parte degli articoli invenduti viene distrutta, la maggior parte è riciclata, rivenduta, restituita o donata" assicurando di fare "donazioni regolarmente".

Ora con l'avvio del servizio Fulfillment by Amazon Donations, le imprese e i privati potranno iscriversi al programma per inquadrare giuridicamente le donazioni.

Attualmente, Amazon fattura 50 centesimi di dollaro la restituzione di un prodotto invenduto e 15 centesimi la distruzione dello stesso.

Da settembre, i prodotti invenduti potranno essere sistematicamente donati ad associazioni di beneficenza.

Condividi
Feedback

(25/08/2019 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Pochi spiccioli di reddito di cittadinanza? Niente bonus coronavirus!
» Coronavirus: proroga misure fino al 13 aprile