Sei in: Home » Articoli

Tenuità del fatto nel casellario giudiziale ma non nei certificati

Condividi
Seguici

L'archiviazione per particolare tenuità del fatto va iscritta nel casellario giudiziale ma non deve esserne fatto cenno nei certificati richiesti
uomo con punto interrogativo per segnalazione reato

di Redazione - L'archiviazione per tenuità del fatto va iscritta nel casellario giudiziale ma non deve apparire nei certificati. E' quanto hanno statuito le sezioni unite della Cassazione con decisione ancora nota nell'informazione provvisoria (n. 16/2019 sotto allegata) e di cui dovranno essere depositate le motivazioni.

  1. La questione controversa
  2. Le tesi
  3. La soluzione adottata

La questione controversa

La questione controversa era la seguente: "Se il provvedimento di archiviazione per particolare tenuità del fatto ex art. 131-bis c.p. debba essere iscritto nel casellario giudiziale, ai sensi dell'art. 3, comma 1, lett. f), dpr n. 313/2002 come modificato dall'art. 4 del dlgs. N. 28/2015".

Le tesi

Nell'ordinanza di rinvio le tesi sostenute vertevano su tre considerazioni:

- la prima, secondo cui la mancata iscrizione nel casellario aveva quale conseguenza l'impossibilità di tracciare la personalità del soggetto, pregiudicando le successive valutazioni sul requisito della non abitualità posto a fondamento dell'istituto; la seconda, in base alla quale a favore dell'iscrizione milita l'iscrizione nel casellario di altri provvedimenti non definitivi, come la messa alla prova; la terza, in base alla quale la stessa relazione al decreto che ha istituito la nuova causa di non punibilità prevedeva l'iscrizione dei relativi provvedimenti, ivi compresi i decreti e l'ordinanza di archiviazione.

La soluzione adottata

La soluzione adottata dalle sezioni unite è affermativa, nel senso che del provvedimento va tenuta "traccia" nel casellario ma non deve esserne fatto cenno nei certificati. Nello specifico, affermano i giudici del supremo consesso, "il provvedimento di archiviazione per particolare tenuità del fatto deve essere iscritto nel casellario giudiziale, fermo restando che non ne deve essere fatta menzione nei certificati rilasciati a richiesta dell'interessato, del datore di lavoro e della pubblica amministrazione".

Vuoi restare aggiornato su questo argomento? Seguici anche su Facebook e iscriviti alla newsletter


Leggi anche:

- La particolare tenuità del fatto

- Tenuità del fatto: i chiarimenti della Cassazione

Scarica pdf informazione provvisoria Cass. SS.UU. n. 16/2019
(22/08/2019 - Redazione) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: l'equo compenso non funziona
» Intralciare l'ambulanza? Si rischia una multa fino a 173 euro

Newsletter f t in Rss