Sei in: Home » Articoli

Crediti con lo Stato? Addio al pignoramento della casa

Il decreto Bramini prevede il rilascio dell'immobile pignorato per chi vanta crediti certificati e documentati nei confronti della pubblica amministrazione
Famiglia felice sotto un tetto

di Valeria Zeppilli - Il cd. decreto Bramini (DL n. 135/2018 - qui sotto allegato) introduce una disposizione che dovrebbe presto permettere a molti debitori che hanno subito un pignoramento immobiliare di tirare un ampio sospiro di sollievo.


  1. Creditori della PA
  2. Requisiti per il rilascio
  3. Entrata in vigore

Creditori della PA

Con una modifica del terzo comma dell'articolo 560 c.p.c., il decreto legge prevede infatti che il debitore che è titolare di crediti nei confronti della pubblica amministrazione per un ammontare complessivo pari o superiore all'importo dei crediti vantati nei suoi confronti dal creditore precedente o dai creditori intervenuti può ottenere il rilascio dell'immobile pignorato per una data compresa tra il sessantesimo e il novantesimo giorno successivo a quello in cui il giudice dell'esecuzione ha così disposto per decreto.

Requisiti per il rilascio

Per ottenere il rilascio è tuttavia necessario che i crediti vantati nei confronti della PA siano:

  • certificati
  • risultanti dalla piattaforma elettronica per la gestione telematica del rilascio delle certificazioni.

È inoltre indispensabile che il debitore dimostri di dover riscuotere le predette somme dalla pubblica amministrazione, documentando la titolarità del suo credito all'udienza di comparizione delle parti fissata dal giudice dell'esecuzione con il provvedimento che autorizza la vendita.

Entrata in vigore

Per l'applicazione della novità occorre, tuttavia, attendere l'emanazione della legge di conversione del decreto Bramini. È infatti proprio questo a disporre esplicitamente, all'articolo 4, che tutte le disposizioni introdotte con tale norma (e quindi anche la modifica dell'articolo 560 c.p.c.) si applicano esclusivamente alle esecuzioni iniziate successivamente alla data di entrata in vigore della legge di conversione.

Scarica pdf DL n. 135/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(20/12/2018 - Valeria Zeppilli)

In evidenza oggi:
» La Cassazione sugli atti degli avvocati nelle indagini difensive
» Reddito di cittadinanza: come richiederlo
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Pensioni quota 100
» Una legge per punire chi avvelena i cani
Newsletter f g+ t in Rss