Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Niente assicurazione per l'auto ferma in cortile

Nonostante l'interpretazione della Corte di giustizia Ue, in Italia sono ancora vigenti l'art. 122 c.d.a. e l'art. 193 c.d.s. che impongono l'obbligo di assicurazione solo su strade di uso pubblico o aree equiparate
mano che protegge auto assicurata

di Valeria Zeppilli – A inizio settembre, la Corte di giustizia dell'Unione Europea ha emanato una sentenza che ha fatto subito discutere. In essa si sanciva, infatti, che i veicoli devono essere assicurati per la responsabilità civile anche quando sono fermi in un'area privata (leggi Automobile assicurata anche se ferma in cortile).

Per ora, però, i cittadini italiani non devono preoccuparsi troppo.

La normativa italiana

La questione oggetto della decisione dei giudici di Lussemburgo riguardava, infatti, la normativa del Portogallo e non quella dell'Italia. Nel nostro paese è ancora pienamente vigente quanto stabilito dalle norme nazionali, che sono quelle applicabili agli automobilisti italiani e che, attualmente, escludono l'obbligo assicurativo per i veicoli in sosta su aree private.

L'articolo 122 del codice delle assicurazioni, innanzitutto, afferma infatti che:

"I veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate se non siano coperti dall'assicurazione per la responsabilità civile".

Vi è poi l'articolo 193 del codice della strada, che stabilisce che:

"I veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione sulla strada senza la copertura assicurativa a norma delle vigenti disposizioni di legge sulla responsabilità civile verso terzi".

Considerate tali norme e la circostanza che la giurisprudenza non ha dato sino a oggi significative interpretazioni di segno contrario, gli automobilisti che decidono di risparmiare sull'assicurazione lasciando i veicoli sempre in sosta in aree private non aperte al pubblico transito e non circolando, non devono preoccuparsi troppo della pronuncia della Corte di giustizia.

I negoziati europei

Tuttavia, come riporta il Sole 24 Ore, la situazione potrebbe presto cambiare.

Il Consiglio UE e la Commissione europea, infatti, hanno aperto un negoziato su una modifica della direttiva 2009/103 proposta lo scorso 24 maggio e che potrebbe portare, prima o poi, anche all'adeguamento della stessa all'interpretazione di recente data dalla Corte di giustizia.

Sul punto è alta l'attenzione dell'Ivass, pronta a proporre al Mise le opportune modifiche al codice delle assicurazioni e al regolamento sull'obbligo di assicurazione della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti di cui al d.m. numero 86/2008.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(03/10/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Sì al pernotto dal papà anche se la mamma non vuole
» Manovra e decreto fiscale: le novità punto per punto
» Poste Italiane: 7.500 assunzioni nel 2019
» Gestione Separata INPS: stop iscrizioni d'ufficio?
» Buche sul manto stradale: la responsabilità del Comune e dei conducenti

Newsletter f g+ t in Rss