Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Professioni legali: in Gazzetta il decreto

Il MIUR ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto disciplinante il numero di posti disponibili nelle scuole di specializzazione per i laureati in giurisprudenza nell'anno accademico 2018/2019. Ecco il testo e le novità
Team di avvocati
di Lucia Izzo - Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 196 del 24/8/2018) il decreto del 16 luglio 2018 riguardante la "Programmazione degli accessi alle scuole di specializzazione per le professioni legali" relativamente all'anno accademico 2018/2019 (sotto allegato).

Il provvedimento rappresenta quell'appuntamento annuale destinato alla determinazione del numero complessivo dei laureati in giurisprudenza da ammettere alle scuole di specializzazione per le professioni legali sancito, in particolare, dal decreto n. 537/1999, e successive modificazioni.

Professioni legali: in Gazzetta il decreto per le scuole di specializzazione

Nel dettaglio, nell'unico articolo che lo compone, il decreto stabilisce che per l'anno accademico 2018/2019 il numero complessivo di laureati in giurisprudenza da ammettere alle scuole di specializzazione per le professioni legali, determinato ai sensi dell'art. 16, comma 5, del d.lgs. n. 398/1997 e dell'art. 2, comma 1, lettera b), n. 1 della legge n. 150/2005 sia pari a 3.600 unità.

La ripartizione dei posti disponibili presso ciascuna scuola di specializzazione, soggiunge il provvedimento, sarò determinata con altro successivo decreto recante il bando di ammissione alle scuole di specializzazione per il prossimo anno accademico, come disposto dall'art. 4. comma 1, del decreto ministeriale 537/1999.
Miur, decreto 16 luglio 2018
(30/08/2018 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Milleproroghe: ok Senato, è legge
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss