Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

Niente sanzioni per chi priva il collega del titolo di avvocato

Chiamare il collega "dottore" e non avvocato in una comunicazione formale ma estranea all'attività professionale non costituisce illecito disciplinare
avvocato carico di lavoro

di Valeria Zeppilli – A detta del Consiglio distrettuale di disciplina forense di Roma, i legali non hanno alcun obbligo di chiamare i colleghi "avvocato", specie se si tratta di comunicazioni formali ma non avvenute nell'ambito dello svolgimento della professione.

Con la decisione qui sotto allegata, infatti, un avvocato si è visto respingere l'esposto proposto nei confronti di una collega, accusata di non essersi rivolta a lui nella maniera adeguata.

La vicenda

Più in particolare, la donna, per conto di alcuni clienti, aveva inviato al collega una missiva per contestare la causazione di danni da infiltrazioni nell'appartamento sottostante a quello di sua proprietà. Nella lettera, tuttavia, lo aveva chiamato più volte "dottore", pur sapendo che si trattava di un avvocato.

Quest'ultimo, quindi, ravvisando in tale scelta la volontà di prendersi gioco di lui, si era rivolto al Consiglio distrettuale di disciplina forense, lamentando una violazione degli obblighi di colleganza, correttezza e lealtà che gravano sui professionisti del foro.

La decisione

L'esposto, tuttavia, è stato archiviato per manifesta infondatezza in quanto, si legge nella decisione, sull'accusata non gravava nessun obbligo "di usare il termine Avvocato trattandosi peraltro di questione non attinente allo svolgimento dell'attività professionale".

Il precedente

Va in ogni caso detto che occorre stare bene attenti a come ci si rivolge ai colleghi: in una situazione simile, infatti, il CNF è giunto a una conclusione diversa.

Ci si riferisce alla sentenza numero 195/2006, con la quale è stato invece ritenuto colpevole un professionista che si era rivolto a una collega qualificandola semplicemente "signora" e privandola quindi del titolo d'avvocato (leggi in merito Avvocati: va sanzionato chi chiama la collega "signora").

Vi era però una rilevante differenza rispetto alla più recente decisione: in quel caso l'espressione non era stata utilizzata al di fuori dell'attività professionale ma durante un'udienza. La stessa, inoltre, era stata accompagnata da espressioni sconvenienti e offensive, idonee a compromettere la dignità e il prestigio del destinatario.

Si ringrazia l'Avv. Loreto Antonucci per la cortese segnalazione

Consiglio distrettuale di disciplina forense di Roma testo decisione 13 maggio 2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(22/08/2018 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss