Sei in: Home » Articoli

Volo cancellato: chi risarcisce il danno?

I racconti giuridici di nonna Norma e nonno MassiMario ovvero le sentenze raccontate a un bambino. La rubrica di diritto dell'avv. Barbara Pirelli
nonna norma disegni rubrica di Barbara Pirelli
Nella puntata di oggi della rubrica "I racconti giuridici di nonna Norma e nonno MassiMario", due anziani avvocati ancora in attività che cercano di insegnare il diritto al nipotino Cavillo, attraverso brevi racconti narrati come favole, nonno MassiMario dovrà spiegare al piccolo e curioso nipote a chi spetta risarcire il danno in caso di cancellazione del volo. Lo spunto è ancora una volta una recente ordinanza della Cassazione, la n. 13226/2018.
Buona lettura!

L'agenzia di viaggi non rimborsa i biglietti per il volo cancellato

CAVILLO: "Buongiorno nonnino che fai?"
NONNO MassiMARIO: "Buongiorno CAVILLO sto vedendo un film western. È il mio genere preferito."
CAVILLO: "Allora non hai tempo per raccontarmi una storiella giuridica?"
NONNO MassiMARIO: "Certo che sì, tesoro. Non preoccuparti ho visto questo film almeno 10 volte.
Allora oggi ti racconto la storia di alcune persone che dovevano partire in vacanza ma all'ultimo momento il loro volo aereo è stato annullato."
CAVILLO: "Uh poverini e dove dovevano andare in vacanza?"
NONNO MassiMARIO:"Dovevano partire da Palermo con destinazione Dubrovnik che è una città della Croazia."
CAVILLO: "E poi che è successo?"
NONNO MassiMARIO:"È successo che in seguito all'annullamento del volo hanno chiesto il risarcimento dei danni chiamando in giudizio l'agenzia di viaggi; in pratica è stato chiesto non solo il rimborso di otto biglietti aerei ma anche il risarcimento di 3.000,00 euro a titolo di mancato guadagno per l'attività che non era stata svolta durante il viaggio. Dunque, il Tribunale di Palermo aveva accolto la richiesta di risarcimento ma in sede di appello la richiesta è stata respinta."
CAVILLO: "E, quindi, nonnino che ha detto la Cassazione?"
NONNO MassiMARIO: "La Corte di Cassazione ha detto che la decisione della Corte d'appello era corretta perché per 'l'inadempimento del contratto di trasporto' risponde solo il vettore (cioè la compagnia aerea). Dunque, l'agenzia viaggi per vendere i biglietti di viaggio stipula un contratto con il vettore, nello specifico questo contratto si chiama 'appalto di servizi' ma resta estranea al contratto di trasporto che avviene tra chi compra il biglietto di viaggio e il vettore."
CAVILLO: "Grazie nonnino mio. Vado a ripetere le tabelline."
NONNO MassiMARIO: "Va bene piccolo, dopo ti interrogo. A più tardi."

(15/06/2018 - Avv.Barbara Pirelli)
In evidenza oggi:
» Successioni: dal 1° gennaio 2019 solo online
» Assegno mantenimento figli naturali: quale reato per chi non lo versa?
» Gratuito patrocinio: se il ricorso inammissibile addio compenso all'avvocato
» Bollette gas: dal 1 gennaio prescrizione ridotta a 2 anni
» Cane senza guinzaglio nel cortile del condominio: cosa si rischia

Newsletter f g+ t in Rss