Sei in: Home » Articoli
 » scuola

Scuola: arriva il decalogo su come vestirsi

Contro pantaloncini, minigonne e look inadeguato a scuola il giro di vite con i nuovi diktat dei dirigenti scolastici
ragazza occhiali con libri di scuola sulla testa
di Gabriella Lax - Niente minigonne, infradito, cappellini e magliette scollate. L'arrivo dell'estate e l'innalzarsi delle temperature porta a scegliere un abbigliamento più leggero, ma la scuola non è la spiaggia. L'invito alla sobrietà parte dalle scuole di Milano, dove i presidi hanno introdotto nuovi regolamenti per un abbigliamento decoroso. Look a parte, tanti altri però sono i divieti abbracciati dagli istituti scolastici.

Abbigliamento a scuola, ecco le regole per gli studenti

Decoro e buon senso nel vestirsi dovrebbero essere i principi cardine. E' passato tanto tempo da quando era obbligatoria in classe la divisa per tutti gli studenti. Banditi, tra l'altro, pantaloni a vita bassa, piercing e magliette nude, scollature eccessive, jeans troppo strappati, minigonne, cappellini da rapper. Contro look non proprio adeguati all'ambiente, secondo alcuni dirigenti scolastici, vanno usate le maniere forti: decaloghi di regole da seguire alla lettera, comunicazioni ai genitori, studenti rimandati a casa se indossano capi inappropriati.

Ogni preside ha un suo pensiero, secondo alcuni rimandare a casa i ragazzi è una sanzione troppo penalizzante, ma, secondo tanti di loro la scuola deve insegnare il rispetto delle regole, in questo contesto s'inquadrerebbe il "codice d'abbigliamento" anche in classe.

Fumo, cellulari ed altri divieti a scuola

Mantenere l'ordine a scuola non è facile. Le liste dei divieti si modificano e si aggiornano, complice, da questo punto visuale, anche la tecnologia. E il novero dei divieti (alcuni forse esagerati) è vasto: sigarette e fumo, baci e comportamenti poco consoni e come sempre, l'utilizzo di telefoni cellulari, tablet. A proposito del fumo, se risulta vietato all'interno di aule e corridoi, alcuni istituti scolastici possono essere più o meno tolleranti (fumano anche i professori!) e consentono spazi per fumare all'aria aperta.

Nei casi generali, l'uso di smartphone è possibile per fini strettamente personali. In quest'ultimo caso ogni istituto valuta la questione in autonomia e decide il divieto totale o meno. Come riporta Adnkronos, celebre fu il caso dell'Istituto professionale per il commercio e turismo di Sanremo, dove il preside Fillo Copelli approvò un regolamento che vietava agli studenti di indossare abiti sconvenienti e, nel suo decalogo, aggiunse anche il divieto di masticare la gomma americana, di affiggere sui muri manifesti o volantini e di usare il telefono pubblico della scuola. La risposta degli studenti fu proclamare tre giorni di sciopero. Ma il gesto del preside finì addirittura in Parlamento. Nel 2001 fu la volta del preside della scuola media 'Piero Sentati' di Castelleone, in provincia di Cremona, che vietò la minigonna colpevole di catalizzare l'attenzione dei ragazzi durante le lezioni, insieme a pantaloncini troppo corti, magliette tipo canottiera, piedi senza calze. In quel caso, chi non rispettava la richiesta, veniva rifornito di 'abbigliamento di recupero', vestiti d'emergenza pronti per l'occasione.


(08/05/2018 - Gabriella Lax) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Arriva il Codice dei diritti degli animali
» Processo civile telematico: le novità in vigore da oggi
» Stop a Sim con servizi attivati e non richiesti
» Pensione invalidità solo ai residenti in Italia
» Il diritto di critica politica come esimente del reato di diffamazione

Newsletter f g+ t in Rss