Sei in: Home » Articoli

Cassazione: il danno da perdita del congiunto va provato

Si tratta di un danno – conseguenza che non può essere considerato in re ipsa
sentenza martello

di Valeria Zeppilli – Ai fini del risarcimento del danno non patrimoniale da perdita del congiunto è necessaria l'allegazione e la prova di chi lo domanda.

Sul punto la Corte di cassazione è di recente tornata con l'ordinanza numero 907/2018 (qui sotto allegata), rilevando che tale danno "quale tipico danno – conseguenza non coincide con la lesione dell'interesse (ovvero non è in re ipsa)".

Valutazioni prognostiche e presuntive

Nonostante ciò, il danno per la perdita del rapporto parentale è comunque un pregiudizio che si proietta nel futuro e con riferimento al quale, pertanto, è consentito tenere conto degli elementi oggettivi forniti dal danneggiato ricorrendo a valutazioni prognostiche e presunzioni.

In ogni caso è indispensabile che esso venga descritto compiutamente e che i suoi elementi costitutivi vengano allegati e provati, facendo ricorso alla prova testimoniale, documentale e presuntiva.

La liquidazione

Ai fini della liquidazione, poi, occorre procedere a una valutazione equitativa basata sui seguenti elementi:

  • intensità del vincolo familiare,
  • situazione di convivenza,
  • ogni ulteriore circostanza rilevante (consistenza del nucleo familiare, abitudini di vita, età della vittima e dei superstiti, …).

La vicenda

Nel caso di specie, la Corte territoriale aveva invece ritenuto il che il danno da perdita del congiunto fosse in re ipsa e dovesse spettare in assoluto e secondo il criterio presuntivo ai "parenti stretti" del defunto. Sulla base di tale assunto, aveva quindi liquidato la medesima somma indiscriminatamente in favore di ciascuno dei fratelli del lavoratore deceduto a seguito di un incidente verificatosi nella cava ove svolgeva le proprie mansioni.

È quindi attesa una nuova decisione sul punto che tenga conto di quanto statuito dalla Corte di cassazione.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 907/2018
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(18/01/2018 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Avvocati: addio contributo minimo integrativo
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» La Consulta boccia l'art. 92 post riforma
» Responsabilità medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
RIMEDI ALTERNATIVI AL REPECHAGE IN IPOTESI DI LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO OGGETTIVO DETERMINATO DA RIORGANIZZAZIONE AZIENNDALE PER RIDUZIONE DI PERSONALE OMOGENEO E FUNGIBILE