Sei in: Home » Articoli
 » Contratti

Cassazione: il contratto di lavoro concluso con l'invalido obbliga alla sua assunzione anche se Ŕ superato il limite d'etÓ

Per la Suprema Corte, perfezionatosi il contratto, il mero dato anagrafico non fa venir meno il diritto alla conservazione del posto di lavoro
sedia a rotelle per disabile
di Lucia Izzo - Nonostante il lavoratore invalido abbia superato il limite di etÓ lavorativa, il contratto con lui concluso obbliga all'assunzione. Il giudice, pertanto, non potrÓ riconoscergli solo un risarcimento parametrato all'indennitÓ sostitutiva della reintegrazione in servizio.

╚ quanto affermato dalla Corte di Cassazione, sezione lavoro, nella sentenza 30697/2017 (qui sotto allegata) che ha accolto il ricorso di un lavoratore.

La vicenda

Il Tribunale aveva in prime cure, respinto la domanda del lavoratore invalido, avviato obbligatoriamente al lavoro in forza della L. n. 68/1999, volta all'accertamento della costituzione di un rapporto di lavoro subordinato e al pagamento delle retribuzioni maturate da tale data fino al giorno dell'effettiva reintegra.

La Corte d'appello chiamata a pronunciarsi sul punto, invece, aveva riformato integralmente il provvedimento impugnato dal lavoratore osservando che, sulla base dei documenti prodotti, il contratto doveva ritenersi effettivamente concluso, con la ricezione da parte della societÓ in data 30/1/2007, della copia della lettera di assunzione sottoscritta dal lavoratore.

Tuttavia, osservava il giudice a quo, dalla pur accertata conclusione del contratto di lavoro non poteva discendere l'accoglimento della richiesta di condanna della societÓ all'assunzione, avendo l'appellante, in data 26/1/2007, compiuto i sessantacinque anni di etÓ.

Ad avviso della Corte territoriale, l'avvenuto superamento del limite dell'etÓ lavorativa poteva determinare a favore dell'appellante il solo riconoscimento di una somma a titolo risarcitorio, che il giudicante aveva liquidato, alla stregua del parametro dell'indennitÓ sostitutiva della reintegrazione in servizio, in euro 17.792,95 corrispondente a dodici mensilitÓ della retribuzione globale di fatto.

Cassazione: il contratto di lavoro concluso con l'invalido obbliga alla sua assunzione anche se superati i limiti d'etÓ

In lavoratore, pertanto, ricorre in Cassazione contestando la sentenza impugnata sotto diversi profili, tra cui violazione e falsa applicazione dell'art. 1372 c.c., contestando la sentenza impugnata nella parte in cui la Corte territoriale ha fatto discendere, dall'accertata conclusione del contratto, non la condanna delle parti all'adempimento delle obbligazioni derivanti dal contratto stesso (e, pertanto, quanto alla datrice di lavoro, all'adempimento dell'obbligazione di accettare le prestazioni lavorative e di pagare la retribuzione), ma una statuizione di condanna di natura risarcitoria.

Ancora, secondo il ricorrente, appare contraddittorio che la Corte d'Appello avesse ritenuto perfezionato il contratto di lavoro e, da tale premessa, avesse poi concluso per l'impossibilitÓ di pronunciare una condanna all'adempimento.

Per la Cassazione, in effetti, il ricorso Ŕ fondato: la Corte di merito, spiegano gli Ermellini, una volta ritenuto che il contratto si fosse perfezionato, avrebbe dovuto dichiarare la condanna delle parti all'adempimento delle obbligazioni che dal medesimo derivavano e non avrebbe potuto trarre una conseguenza diversa.

In sostanza, il datore di lavoro sarebbe dovuto essere condannato all'accettazione delle prestazioni lavorative e al pagamento della retribuzione (art. 2094 c.c.).

D'altra parte, spiega la Cassazione, il contratto, il quale ha forza di legge fra le parti, pu˛ essere sciolto (ex art. 1372, comma 1, c.c.), unicamente in virt¨ di una reciproca e contraria manifestazione di volontÓ delle stesse o in relazione al sopravvenire di fatti aventi efficacia risolutoria del rapporto.

Tali rilievi assorbono ogni altra considerazione, dovendosi comunque osservare, secondo il Collegio, l'insufficienza del mero dato anagrafico a determinare il venir meno del diritto alla conservazione del posto di lavoro, in difetto del contestuale possesso dei necessari requisiti di anzianitÓ contributiva. La sentenza va dunque cassata con rinvio.

Cass., sezione lavoro, sent. 30697/2017
(26/12/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multa col cellulare in auto anche se non si parla
» ResponsabilitÓ medica: l'art. 590-sexies e l'intervento delle Sezioni Unite
» Facebook: reato di diffamazione aggravata anche per chi commenta
» Condominio: chi ha la pec paga le spese per la corrispondenza?
» Il diritto all'oblio nella recente pronuncia vittoriosa di Antonello Venditti c. Rai


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss