Sei in: Home » Articoli

Cassazione: l'erede che subentra nella società paga i debiti anche con beneficio d'inventario

La qualità di accomandatario non si acquisisce per successione ma deriva da una scelta volontaria di continuazione del rapporto sociale
martello e targa con parole diritto successione

di Valeria Zeppilli – Chi accetta l'eredità con beneficio di inventario e poi subentra nella quota di una società in accomandita semplice della quale il defunto faceva parte come socio accomandatario non si salva comunque dai debiti societari.

Società: la qualità di accomandatario non si acquisisce per successione

Come chiarito dalla Corte di cassazione nella sentenza numero 30441/2017 (qui sotto allegata), del resto, la qualità di accomandatario non si acquisisce per successione. Essa, piuttosto, deriva da una scelta volontaria di entrare a far parte della società invece che ottenere la liquidazione della quota del de cuius.

La vicenda

Nel caso di specie la ricorrente, dopo la morte del padre, aveva preferito espressamente alla liquidazione della quota paterna in una s.a.s. il subentro nella società stessa, che era avvenuto in virtù di un autonomo patto e in funzione della continuazione dell'organizzazione ai sensi di quanto previsto dall'ultimo comma dell'articolo 2284 del codice civile.

Di conseguenza, la donna aveva assunto la qualità di socia accomandataria per effetto dell'accordo concluso con gli altri soci e non a titolo di successione mortis causa. In altre parole, il suo subentro nella posizione ricoperta nella società dal padre defunto era intervenuto "senza alcuna interferenza con la sua posizione di erede beneficiaria", con tutte le conseguenze che ne derivano in materia di debiti societari.

Vai alla guida completa sulle successioni ereditarie

Corte di cassazione testo sentenza numero 30441/201
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(21/12/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Multe fino a 425 euro per chi getta rifiuti dal finestrino
» Basta impedire al padre di vedere il figlio per due giorni per commettere reato
» La chiusura delle indagini preliminari
» WhatsApp, cambiamenti e novità in arrivo
» Processo civile: le decisioni "a sorpresa" del giudice

'codice widgetpack temporaneamente spostato nella raccolta codici
Newsletter f g+ t in Rss