Sei in: Home » Articoli

Come si vota alle prossime elezioni

Ecco come ci si dovrà comportare in base alla legge elettorale appena approvata
persone che votano nei seggi

di Valeria Zeppilli - Ora che il Rosatellum bis ha ricevuto il via libera del Senato, con 241 voti favorevoli, 61 voti contrari e 2 astensioni, occorre comprendere come si voterà con la nuova legge elettorale.

Sistema misto

Il sistema che entrerà in vigore con la nuova legge è un sistema misto tra proporzionale e maggioritario, in cui un terzo dei parlamentari sarà eletto nei collegi uninominali con un solo candidato per ogni coalizione (il più votato), mentre per i due terzi è previsto il sistema proporzionale.

Per il proporzionale, tuttavia, è previsto un 3% di sbarramento su base nazionale, elevato al 20% per le liste delle minoranze linguistiche nella relativa Regione, e un 10% di sbarramento per le coalizioni, all'interno delle quali ad almeno una lista è richiesto il superamento del 3%.

La nuova legge elettorale prevede poi una quota pari al 64% di collegi plurinominali proporzionali e al 36% di collegi uninominali maggioritari.

Come si vota

Operativamente, il Rosatellum bis prevede il voto su un'unica scheda per la Camera e un'unica scheda per il Senato per il maggioritario e il proporzionale, senza possibilità di voto disgiunto.

Nella scheda elettorale sono inseriti il nome del candidato nel collegio uninominale e il contrassegno della lista o delle liste collegate e i nomi dei candidati nel collegio plurinominale.

Chi vota la lista, vota anche il candidato.

In ogni caso, nelle schede sarà inserita la spiegazione di come si vota e di come i voti saranno distribuiti.

Ogni scheda sarà poi dotata di un tagliando rimovibile, contrassegnato da un codice alfanumerico progressivo. Al fine di evitare brogli elettorali e schede prestampate, tale tagliando sarà rimosso dall'ufficio elettorale, e conservato, prima che la scheda venga inserita nell'urna.

Le circoscrizioni sono 20 per il Senato e 28 per la Camera

Distribuzione dei seggi

Con riferimento ai collegi uninominali, il seggio è assegnato al candidato che avrà ottenuto il numero maggiore di voti, mentre per i collegi plurinominali si segue il metodo proporzionale con riparto a livello nazionale considerando le liste e le coalizioni di liste che hanno superato le soglie di sbarramento. Per le coalizioni, i voti dei partiti che non hanno superato la soglia dell'1% non vengono computati.

In caso di pareggio tra due candidati, la scelta ricade sul candidato più giovane.

Pluricandidature e quota di genere

Ad ogni candidato è data la possibilità di presentarsi con diverse candidature in un collegio uninominale e in collegi plurinominali o nei listini proporzionali (ma non in più collegi uninominali), sino a massimo cinque volte. Se però viene eletto in più collegi, la destinazione non può essere scelta ma tra seggio uninominale e seggio proporzionale sarà eletto nel primo, mentre tra più collegi proporzionali, la destinazione è nella lista che ha ottenuto la minore percentuale di voti.

Per la parità uomo donna, il Rosatellum bis prevede anche una quota di genere, stabilendo che ciascuno dei due sessi potrà rappresentare al massimo il 60% dei candidati di una lista bloccata o dei capilista dei listini dei partiti.


Leggi anche: "Il Rosatellum è legge: ok definitivo del Senato alla legge elettorale"

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(28/10/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» La cambiale - Guida Legale
» Aspettativa non retribuita: cos'è e come si ottiene
» Carta identità elettronica: come si richiede
» Le diverse tipologie di servitù
» Rischia il carcere senza condizionale il padre che non mantiene i figli
In evidenza oggi
Cassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessualeCassazione: lei ci sta poi ci ripensa? Resta grave la violenza sessuale
Cassazione: il pedone non ha sempre ragioneCassazione: il pedone non ha sempre ragione


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF