Sei in: Home » Articoli

Abbandono rifiuti: la responsabilità dell'appaltatore può estendersi anche al committente

Un caso in cui la responsabilità dell'appaltatore si estende al committente, e ne risponde anche il legale rappresentante o titolare
rifiuti
Avv. Edoardo Di Mauro - La Corte di Cassazione "ha sempre affermato il principio che l'appaltatore, per la natura del rapporto contrattuale che lo vincola al compimento di un'opera o alla prestazione di un servizio, con organizzazione dei mezzi necessari e gestione a proprio rischio dell'intera attività, riveste generalmente la qualità di produttore del rifiuto e su di lui non gravano gli obblighi di corretto smaltimento, salvi i casi in cui, per ingerenza o controllo diretto del committente sull'attività dell'appaltatore, i relativi doveri si estendono anche a tale soggetto" (Cass. Pen. Sez. III, Sent. 19.07.2017, n. 35569).
Con la stessa sentenza si è affermato che "quando il rifiuto è abbandonato dall'impresa/ente che lo ha prodotto, perchè ne risponda il titolare/legale rappresentante della diversa impresa/ente che ha commissionato i lavori, è necessario che questi si sia ingerito a qualsiasi titolo nell'attività di produzione o gestione del rifiuto".

Il caso

Con la sopra citata sentenza la Cassazione ha rigettato il ricorso avverso una sentenza di primo grado che condannava Tizio amministratore unico della Società Alfa, alla pena di 5.000,00 euro di ammenda per il reato di cui al d.lgs. n. 152 del 2006 art. 256 commi 1 lett. a) e comma 2, per aver abbandonato in modo incontrollato ed immesso nelle acque sotterranee, contaminandole, rifiuti non pericolosi.
I rifiuti provenivano dalla realizzazione di un impianto di cogenerazione in altro immobile di proprietà della Società Alfa, amministrata da Tizio, limitrofo all'area sequestrata, e che l'attività era stata commissionata alla Società Beta.

La decisione della Cassazione

Nel caso di specie, la Cassazione ha precisato che "la responsabilità di Tizio non è stata affermata esclusivamente in base al fatto di aver commissionato i lavori che hanno generato i rifiuti abbandonati, ma anche sulla concorrente circostanza che il terreno era di proprietà della società da lui legalmente rappresentata e che aveva persino sostenuto i costi per lo smaltimento, poi non avvenuto".
Avv. Edoardo Di Mauro
Per ulteriori informazioni:
mail: edodim83@gmail.com
cell. 3334588540


Edoardo Di MauroEdoardo di Mauro - articoli
E-mail: edodim83@gmail.com
Avvocato, si occupa di diritto amministrativo, penale, contratti, diritto dell'informatica ed internet.
(27/10/2017 - Edoardo Di Mauro)
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Cassazione: non serve l'approvazione dell'assemblea per la nascita del supercondominioCassazione: non serve l'approvazione dell'assemblea per la nascita del supercondominio

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Cassazione: non serve l'approvazione dell'assemblea per la nascita del supercondominio
Print Friendly and PDF