Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Condominio: il decreto ingiuntivo contro i morosi è facoltativo

Per la Cassazione, se le casse condominiali sono vuote, non c'è responsabilità purché i condomini morosi siano stati almeno messi in mora per iscritto. L'attività di recupero crediti può concretizzarsi con la messa in mora
Persona con espressione dubitativa

di Valeria Zeppilli - Affinché l'amministratore che non può pagare il premio per l'assicurazione dell'edificio condominiale sia esonerato da qualsivoglia responsabilità in proposito, è sufficiente che egli abbia provveduto a mettere in mora per iscritto i condomini morosi.

La sesta sezione civile della Corte di cassazione, infatti, con ordinanza numero 24920/2017 del 20 ottobre (qui sotto allegata) ha escluso che a tal fine sia necessario anche che l'amministratore abbia agito in via monitoria nei confronti degli inadempienti, facendo ricorso al giudice per ottenere un decreto ingiuntivo.

Amministratore condminio: decreto ingiuntivo facoltativo

I giudici sono giunti a tale conclusione considerando che "l'art. 63 disp. att. cc. non prevede un obbligo, ma solo una facoltà di agire in via monitoria contro i condomini morosi ("può ottenere decreto di ingiunzione…")".

Sulla base di tale argomentazione, quindi, la Corte ha ratificato la scelta del giudice del merito di escludere la violazione dell'obbligo di diligenza dell'amministratore, il quale, nel caso di specie, mettendo in mora gli inadempienti si era comunque attivato nella raccolta dei fondi necessari per il pagamento del premio.

A tale proposito, la Cassazione ha anche avuto modo di precisare che l'indagine sull'osservanza degli obblighi di diligenza del buon padre di famiglia da parte del mandatario (quale è l'amministratore) è di competenza del giudice del merito e il relativo risultato non è sindacabile in sede di legittimità.

In definitiva, quindi, nel caso di specie se l'assicurazione non ha indennizzato i danni derivanti da un incendio del tetto condominiale, la responsabilità non può di certo ascriversi all'amministratore.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 24920/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/10/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il reato di ricettazione
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Cassazione: non serve l'approvazione dell'assemblea per la nascita del supercondominioCassazione: non serve l'approvazione dell'assemblea per la nascita del supercondominio

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Cassazione: non serve l'approvazione dell'assemblea per la nascita del supercondominio
Print Friendly and PDF