Sei in: Home » Articoli

Parchimetri: niente obbligo di taratura

Condividi
Seguici

I parchimetri sono assoggettati solo all'omologazione del ministero, che eventualmente va estesa o rinnovata
un parchimetro per parcheggio a pagamento

di Valeria Zeppilli - Nonostante il parchimetro sia uno strumento omologato dal Ministero, al pari, ad esempio, degli autovelox, lo stesso non deve essere sottoposto a taratura periodica.

Infatti, la normativa nulla dice in merito alla taratura ma si limita a prevedere (all'articolo 7 del codice della strada) che i dispositivi di controllo della durata della sosta nei parcheggi su strada pubblica siano sottoposti a omologazione da parte del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che viene fatta avendo come riferimento la norma Uni Cei En 12414:2001 (che detta le modalità con le quali è possibile omologare i dispositivi che consentono il ricorso a modalità diverse di pagamento e il rilascio di un'attestazione da esporre all'interno del veicolo, in cui sia visibile l'ora di inizio della sosta).

Parchimetri: omologazione nuova o estesa

Chiaramente, però, il dispositivo deve essere conforme al modello che è stato omologato dal Ministero. Di conseguenza, ogni eventuale modifica alla quale il parchimetro sia assoggettato, a seconda dei casi, deve essere oggetto di una nuova omologazione o deve comportare l'estensione della precedente omologazione.

Ciò fatto, sino a quando non venga accertato, con un'adeguata prova da parte dell'opponente, che il parchimetro riporti dei difetti di costruzione o funzionamento, deve ritenersi operante l'efficacia probatoria dell'apparecchiatura.

Anche quando il parchimetro sia malfunzionante, peraltro, ciò non vuol dire che l'automobilista possa ritenersi automaticamente esentato dal pagamento di quanto dovuto per la sosta, ma prima deve verificare che vi sia un altro strumento nelle vicinanze che permetta comunque l'adempimento dell'obbligo.

Controlli periodici

In ogni caso, per garantire il corretto funzionamento dei parchimetri, generalmente i Comuni li sottopongono a dei controlli periodici di funzionalità. Laddove, nonostante ciò, ci si imbatta in un apparecchio non funzionante, la cosa più giusta da fare è quella di segnalare il problema all'amministrazione, in maniera tale da permettere a questa di porre rimedio.

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
(10/10/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Permesso di costruire rimborsabile se non usato o usato in parte
» Minaccia aggravata per chi insulta l'amministratore di condominio
» Cassazione: reato fingere di amare per farsi pagare
» Minaccia aggravata per chi insulta l'amministratore di condominio
» Ricerca beni da pignorare: ecco le linee guida di Milano

Newsletter f t in Rss