Via libera della commissione affari sociali al Ddl Lorenzin che contiene anche importanti modifiche alla legge Gelli
medico che mostra modulo per consenso informato

di Valeria Zeppilli - La Commissione Affari Sociali ha definitivamente licenziato il Ddl Lorenzin, che ora è pronto per la discussione in aula calendarizzata per il prossimo 9 ottobre.

Il vaglio della Commissione si è esteso quindi anche alle modifiche alla recente legge Gelli sulla responsabilità sanitaria.

Limiti chiari alla rivalsa

La legge numero 24/2017, sulla base del testo che ha ricevuto il recente via libera, sarà modificata innanzitutto nella parte in cui si occupa dell'azione di rivalsa con il fine di fugare i dubbi che si erano addensati intorno agli esatti limiti entro i quali la stessa può essere esercitata.

Con le modifiche proposte, l'azione, in caso di accoglimento della domanda di risarcimento proposta dal danneggiato nei confronti della struttura sanitaria o sociosanitaria pubblica potrà essere esercitata sino a un importo "pari al triplo del valore maggiore della retribuzione lorda o del corrispettivo convenzionale conseguito nell'anno di inizio della condotta causa dell'evento o nell'anno immediatamente precedente o successivo", mentre in caso di accoglimento della domanda proposta dal danneggiato nei confronti della struttura sanitaria o sociosanitaria privata o nei confronti dell'impresa di assicurazione titolare di polizza con la medesima struttura potrà essere esercitata sino a un importo "pari al triplo del valore maggiore del reddito professionale, ivi compresa la retribuzione lorda, conseguito nell'anno di inizio della condotta causa dell'evento o nell'anno, immediatamente precedente o successivo".

Più funzioni al Fondo di garanzia

L'altro aspetto del Ddl Lorenzin licenziato dalla Commissione Affari Sociali che tocca la materia della responsabilità medica riguarda il Fondo di garanzia per i danni derivanti da responsabilità professionale, che si occuperebbe anche di agevolare l'accesso dei sanitari libero professionisti alla copertura assicurativa.

Un'ultima previsione, infine, si è resa necessaria a seguito dell'emanazione della legge sulla concorrenza e sul mercato, che ha reso superflui e inopportuni i richiami alle tabelle risarcitorie per il danno biologico di cui alla legge Balduzzi, i quali quindi, nelle previsioni del Ddl, dovrebbero sparire con l'introduzione di un comma 7-ter all'articolo 8 della legge Gelli, in forza del quale "all'articolo 3 del decreto-legge 13 settembre 2012, n. 158, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2012, n. 189, i commi 2 e 4 sono abrogati".

Vedi anche:
La raccolta di articoli in materia di responsabilità medica
La Guida Legale sulla responsabilità medica
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: