Sei in: Home » Articoli

Raccolta differenziata: la multa non può fondarsi su presunzioni

Il controllo della corretta gestione dei rifiuti va fatto con sistemi che assicurano certezza sulla identificazione della persona che ha commesso la violazione
cestini per raccolta rifiuti differenziata

di Valeria Zeppilli – Ormai da diversi anni è iniziato nel nostro paese un percorso verso la totale diffusione della raccolta differenziata, ovverosia quella raccolta in cui "il flusso di rifiuti è tenuto separato in base al tipo e alla natura dei rifiuti al fine di facilitarne il trattamento specifico" (art. 183, co. 1, lett. p), d.lgs. n. 152/2006).

Così, i vari Comuni hanno adottato diversi sistemi per incentivare la gestione responsabile dei rifiuti da parte dei cittadini e, negli ultimi tempi, stanno anche incentivando i controlli per verificare il rispetto delle prescrizioni in materia e sanzionare chi non si adegua.

Personalità della sanzione

Con riferimento alle sanzioni, occorre tuttavia fare un'importante precisazione: non è possibile fondarsi su presunzioni, ma l'unico soggetto che può essere sanzionato è l'effettivo responsabile della violazione.

Del resto, l'articolo 3 della legge numero 689/1981, occupandosi di sanzioni amministrative, sancisce chiaramente che "nelle violazioni cui è applicabile una sanzione amministrativa ciascuno è responsabile della propria azione od omissione, cosciente e volontaria, sia essa dolosa o colposa".

Stop alle presunzioni

In altre parole, ciò vuol dire che la "multa" per inesatta differenziazione dei rifiuti non può essere inviata al proprietario dell'appartamento dal quale proviene il sacchetto "incriminato" né all'eventuale diverso titolare della tassa sui rifiuti, ma a rispondere della sanzione è chi la ha materialmente commessa.

A tal fine, come chiarito già da qualche tempo dal Giudice di Pace di Pozzuoli con sentenza del 29 settembre 2014, non è possibile legittimare delle sanzioni per omesso rispetto delle regole che disciplinano la raccolta differenziata se queste sono state determinate dall'utilizzo di un sistema di accertamento che "non assicura alcuna certezza sulla identificazione della persona che ha commesso la violazione ma solo delle presunzioni su cui non si può fondare alcuna colpevolezza".

Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(20/09/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF