Sei in: Home » Articoli
 » Condominio

Tabelle millesimali condominio: la Cassazione fa il ripasso

Gli Ermellini ricordano gli elementi da prendere in considerazione ai fini della redazione delle tabelle millesimali
condominio id12965

di Marina Crisafi - Quali sono gli elementi da prendere in considerazione ai fini della redazione delle tabelle millesimali di un condominio? Ad elencarli è la Cassazione che, chiamata a pronunciarsi su un controversia relativa alla domanda di revisione delle tabelle millesimali, con l'ordinanza n. 21043/2017 (sotto allegata) ha deciso di redigere un vero e proprio ripasso della materia.

La vicenda

La vicenda si inquadra nell'ambito di una domanda di revisione delle tabelle millesimali di un condominio.

Alcuni condomini, infatti, ricorrono al Palazzaccio avverso la decisione di merito che, "nel valutare la sussistenza o meno di variazioni nella quota - di loro pertinenza - ha imposto al consulente nominato di non valutare, ai fini della determinazione dei valori di piano con riguardo alle unità immobiliari interessate dalle trasformazioni, i vani esterni alle proiezioni verticali del fabbricato ed alcune pertinenze, escludendoli dunque dal computo.

Tabelle millesimali: come si computano

Per la Cassazione i condomini hanno ragione. Innanzitutto, ricordano che "il giudice investito della domanda di revisione delle tabelle millesimali deve computare i valori di tutte le porzioni, tenendo conto di tutti gli elementi oggettivi (superficie, altezza di piano, luminosità, esposizione) che incidono sul valore effettivo di esse".

Pertanto, hanno stabilito il seguente principio di diritto: "ai fini della redazione delle tabelle millesimali di un condominio, per determinare il valore di ogni piano o porzione di piano occorre prendere in considerazione sia gli elementi intrinseci dei singoli immobili oggetto di proprietà esclusiva che gli elementi estrinseci, nonché le eventuali pertinenze delle proprietà esclusive, in quanto consentono un migliore godimento dei singoli appartamenti al cui servizio ed ornamento sono destinati in modo durevole, determinando un accrescimento del valore patrimoniale dell'immobile".

Da qui l'accoglimento del ricorso e la cassazione della sentenza con rinvio ad altra sezione della corte d'appello che dovrà pronunciarsi in conformità al principio enunciato.

Cassazione, ordinanza n. 21043/2017
(18/09/2017 - Marina Crisafi)
Le più lette:
» Le aree destinate a parcheggio nel condominio
» Tassa rifiuti: va calcolata una sola volta per tutto l'immobile
» Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
» Autovelox: come difendersi dalle contravvenzioni illegittime
» Affido condiviso: fino a 3 anni il bambino può dormire dal padre solo ogni tanto
In evidenza oggi
Multe autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulleMulte autovelox: dal 1° agosto potrebbero essere nulle
Cassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizioCassazione: la telefonata registrata è una prova e può essere utilizzata in giudizio
Commenta con Disqus: Selezionando "Preferisco commentare come ospite" non serve password. Ultime discussioni
blog comments powered by Disqus
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF