Sei in: Home » Articoli

Responsabilità medica: il paziente deve provare il nesso tra il danno e la condotta dei sanitari

Se tale prova manca, non sorge il capo alla struttura l'onere di dimostrare l'impossibilità sopravvenuta della prestazione per causa non imputabile
medici seri con file dietro di sedie e una caduta simboleggiante danno

di Valeria Zeppilli – Chi deduce in giudizio la responsabilità contrattuale della struttura sanitaria, derivante dall'inesatto adempimento della prestazione medica alla quale si è sottoposto, ha un preciso onere probatorio da rispettare: è il danneggiato, infatti, che è tenuto a provare sia il contratto che o l'aggravamento della situazione patologica preesistente o l'insorgenza di nuove patologie in conseguenza dell'intervento. In capo al paziente, inoltre, grava anche l'onere di dimostrare il nesso di causalità con l'azione o l'omissione dei sanitari.

Onere probatorio della struttura sanitaria

L'orientamento giurisprudenziale sul punto, ormai costante, è stato confermato anche dalla recente sentenza della Corte di cassazione numero 18392/2017, depositata il 27 luglio scorso e qui sotto allegata.

In tale pronuncia i giudici hanno anche ribadito che, invece, a carico della struttura sanitaria resta la prova che la prestazione professionale sia stata eseguita in modo diligente e che gli esiti lamentati dal danneggiato siano derivati da un evento imprevisto e imprevedibile. Tuttavia, tale onere probatorio sorge in capo alla struttura solo se il danneggiato abbia provato il nesso di causalità fra la patologia e la condotta dei sanitari.

La vicenda

Nel caso di specie, a citare in giudizio la struttura sanitaria era stata una donna, che chiedeva il risarcimento del danno subito in conseguenza della morte del marito, verificatasi durante un intervento chirurgico.

Nel corso del giudizio, tuttavia, il giudice del merito aveva accertato che la ragione dell'arresto cardiaco che aveva determinato il decesso era rimasta oscura, così escludendo il nesso tra tale circostanza e l'emorragia verificatasi durante l'intervento, con la conseguenza che in capo alla struttura sanitaria, in base a quanto visto, non è mai insorto un problema di onere probatorio.

Come già fatto dai giudici di primo e secondo grado, di conseguenza, anche la Corte di cassazione ha respinto le pretese della donna, alla quale non spetta quindi alcun risarcimento.


Corte di cassazione testo sentenza numero 18392/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(17/08/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il reato di ricettazione
» Opposizione a decreto ingiuntivo: inammissibile per nullità della notifica via pec
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
» Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario
In evidenza oggi
Condominio: l'acqua non si stacca ai morosiCondominio: l'acqua non si stacca ai morosi
Accedere all'email altrui è reato anche se si conosce la passwordAccedere all'email altrui è reato anche se si conosce la password

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF