Sei in: Home » Articoli
 » Multe

Rc auto: in vigore i nuovi massimali

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto del Mise che aggiorna i massimali di garanzia Rc Auto e natanti
Modellino di auto tra due mani

di Redazione - Aumentano le garanzie per gli automobilisti. È stato pubblicato infatti in Gazzetta Ufficiale per entrare in vigore da subito il decreto del ministero dello sviluppo economico del 9 giugno 2017 (sotto allegato) che modifica i massimali di garanzia Rc Auto e natanti, attraverso l'adeguamento ai nuovi valori in euro determinati dalla Commissione Europea.

Rc Auto: i nuovi valori dei massimali

Il massimale di un contratto di assicurazione, si ricorda, è il limite massimo che la compagnia pagherà per il risarcimento dei danni derivanti da incidenti stradali, o comunque dal verificarsi dell'evento per il quale è stato stipulato il contratto stesso. È un elemento molto importante, considerato che, se il danno è superiore al massimale indicato nella polizza, la compagnia di assicurazione risarcirà i danneggiati fino alla somma indicata, mentre per il resto dovrà rispondere l'assicurato di tasca propria.

Nello specifico, il decreto ha aumentato il massimale Rc Auto, a 1,22 milioni di euro per i danni alle cose e a 6,07 per quelli alle persone (in luogo dei precedenti 1 milione e 5 milioni).

A decorrere dall'11 giugno 2017, si legge infatti nell'art. 1 del decreto, "gli importi indicati al comma 1 dell'art. 128, del decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209, sono aggiornati ai seguenti valori; euro 6.070.000,00 per sinistro, indipendentemente dal numero delle vittime, per quanto riguarda l'importo minimo di copertura nel caso di danni alle persone, di cui alla lettera a); euro 1.220.000,00 per sinistro, indipendentemente dal numero delle vittime, per quanto riguarda l'importo minima di copertura nel caso di danni alle cose, di cui alla lettera b)".

Decreto Mise del 9 giugno 2017
(09/08/2017 - Redazione)

In evidenza oggi:
» Cassazione: bigenitorialità non vuol dire tempi uguali coi figli
» L'avvocato diventa sempre più "fashion"
» Addio a WhatsApp e Telegram, arriva Dostupno
» Sesso in macchina: cosa si rischia oggi?
» L'avvocato diventa sempre pi "fashion"
Newsletter f g+ t in Rss