Sei in: Home » Articoli

Cosa succede se la controparte non risponde alla negoziazione assistita?

Quali conseguenze derivano a chi ha proposto l'invito e a chi non lo ha riscontrato
contribuente che sceglie tra angelo e diavolo evoca accordo o meno con fisco

Domanda: "Cosa succede se la controparte non risponde alla negoziazione assistita?"

Risposta: "Chi riceve un invito a stipulare una convenzione di negoziazione assistita ha trenta giorni di tempo dalla ricezione per dare riscontro. In particolare, entro tale lasso temporale è possibile aderire all'invito o rifiutarlo.

Può anche accadere, tuttavia, che la parte lasci trascorrere i 30 giorni infruttuosamente e non risponda all'invito che le è stato formulato: in tal caso, il suo comportamento equivale al rifiuto espresso di aderire alla proposta.

Se, quindi, la controparte non risponde all'invito nei termini, così come se nega l'adesione espressamente, il procedimento di negoziazione si considera esperito ai fini della procedibilità della domanda, ove esso è previsto dalla legge come obbligatorio.

Tuttavia, tale comportamento è foriero di conseguenza per chi lo tiene.

Il decreto legge numero 132/2014, infatti, all'articolo 4 stabilisce che in caso di mancata risposta all'invito della controparte o di rifiuto espresso, il giudice può tenerne conto ai fini della decisione sulle spese di giustizia, della concessione della provvisoria esecutorietà se si tratta di procedimenti di opposizione a decreto ingiuntivo e della responsabilità processuale aggravata.

In ogni caso, come chiarito anche dal Tribunale di Verona con sentenza del 17 novembre 2015, il giudicante deve sempre tenere conto delle eventuali ragioni che hanno indotto la parte a non rispondere all'invito, verificando se un simile comportamento può in qualche modo essere 'giustificato'".

Vedi anche nella guida di procedura civile:
La negoziazione assistita - (La convenzione - il procedimento - la negoziazione obbligatoria - la negoziazione in materia di separazione e divorzio - il ruolo degli avvocati - I fac-simili)
Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(13/06/2017 - Domande e Risposte) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro
» Separazione: rischia l'esclusione dalle scelte sulla salute dei figli il genitore che rifiuta i vaccini
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Processo civile telematico: serve l'attestazione di conformità per la copia cartacea della notifica via Pec
» Avvocati: dal 1° marzo comunicazione telematica per gli adempimenti di lavoro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss