Per la Cassazione non può dirsi integrato un inadempimento dell'obbligo di salvaguardia del paziente
ospedale medico

di Valeria Zeppilli - Non sempre la struttura sanitaria è chiamata a rispondere per i danni subiti dai pazienti all'interno delle proprie mura. Se, ad esempio, uno di essi sale autonomamente su un lettino e cade, il risarcimento non gli spetta.

La vicenda

Tanto emerge dall'ordinanza numero 14037/2017 (qui sotto allegata) della sesta sezione civile della Corte di cassazione, con la quale i giudici hanno confermato le sentenze di primo e secondo grado e negato il risarcimento a una donna che, mentre era in attesa di sottoporsi a un esame ecografico, aveva tentato di rimettersi sul lettino, essendo stanca di stare in piedi.

Tale operazione però, oltre ad essere la conseguenza di un'autonoma scelta della paziente, era stata svolta senza l'assistenza del personale sanitario, con la conseguenza che la donna era caduta rovinosamente a terra, riportando lesioni.

L'obbligo di salvaguardia

Per i giudici, l'obbligo di salvaguardia del paziente è sicuramente un obbligo accessorio rispetto alla cura e all'accertamento diagnostico, che, tuttavia, nel caso di specie non può reputarsi inadempiuto.

La donna, del resto, non era affetta da disabilità o gravi patologie, ma solo da obesità e, soprattutto, aveva deciso autonomamente di utilizzare il lettino. Nulla pertanto le spetta a titolo di risarcimento per le lesioni subite in conseguenza della caduta.

Corte di cassazione testo ordinanza numero 14037/2017
Vedi anche:
La raccolta di articoli in materia di responsabilità medica
La Guida Legale sulla responsabilità medica
Valeria Zeppilli
Avv. Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
Consulenza Legale
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com
Avvocato e dottore di ricerca in Scienze giuridiche, dal 2015 fa parte della redazione di Studio Cataldi -- Il diritto quotidiano. Collabora con la cattedra di diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto delle relazioni industriali dell'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti - Pescara.
Condividi
Feedback

(12/06/2017 - Valeria Zeppilli)
In evidenza oggi:
» Responsabilità medica: le linee guida vanno 'calate' nel caso concreto
» Coronavirus: pratica avvocati valida senza udienze