Sei in: Home » Articoli
 » Avvocatura

L'ignoranza dell'avvocato non si perdona

Per la Cassazione non va concessa la restituzione in termini per l'errore sui tempi di impugnazione
avvocato di fronte a tanti libri da studiare concetto formazione continua

di Valeria Zeppilli – L'avvocato che omette di proporre impugnazione per ignoranza della legge processuale non può essere scusato e il suo atteggiamento non configura un'ipotesi di caso fortuito o forza maggiore idonea a giustificare la rimessione in termini.

L'orientamento prevalente

Con la sentenza numero 27438/2017 depositata il 1° giugno e qui sotto allegata, la Corte di cassazione ha preso atto dell'esistenza di un precedente orientamento di segno contrario (affermato con la pronuncia numero 35149/2009), ma ha precisato che è "nettamente prevalente" l'orientamento che reputa il mancato o inesatto adempimento dell'onere del difensore di proporre impugnazione una falsa rappresentazione della realtà che può essere superata con la normale diligenza e attenzione. Esso, quindi, non può essere considerato idoneo a realizzare le ipotesi di caso fortuito o forza maggiore che legittimano la remissione in termini, considerato, peraltro, che in via presuntiva non è possibile escludere che l'assistito sia gravato dall'onere di vigilare che l'incarico conferito sia osservato esattamente.

Insomma: non è possibile porre a carico dello Stato la marchiana ignoranza della legge da parte del difensore.

Tardività dell'appello

Nel caso di specie, quindi, l'appello proposto dal difensore è stato correttamente dichiarato tardivo dalla Corte del merito, nonostante il tentativo del difensore di addebitare il ritardo ad errate informazioni di cancelleria e, di conseguenza, tutti i motivi di ricorso in Cassazione sono caduti nel nulla.

Corte di cassazione testo sentenza numero 27438/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(08/06/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Affido condiviso: sì a diritto di visita rigido per tutelare i figli
» Reato di invasione di edifici: in arrivo multe fino a 2mila euro
» Il processo amministrativo
» Avvocati: verso l'assunzione negli studi legali
» Addio multa se nel verbale mancano indicazioni sul segnale di preavviso

Newsletter f g+ t in Rss