Sei in: Home » Articoli

Separazione: addio negoziazione assistita se gli avvocati non informano adeguatamente i coniugi

Per il Tribunale di Torino è corretto che il PM neghi il nulla osta se manca l'avvertimento sull'importanza per il minore di trascorrere tempi adeguati con ogni genitore
mediazione coniugi divorzio

di Valeria Zeppilli – L'articolo 6, comma 3, del decreto legge numero 132/2014 impone agli avvocati, in fase di stipula di una negoziazione assistita per la separazione personale dei coniugi, di informare ciascuno di essi dell'importanza per il minore di trascorrere tempi adeguati sia con la madre che con il padre.

Niente nulla osta

Con decreto del 29 maggio 2017 (qui sotto allegato), il Tribunale di Torino ha a tal proposito precisato che, se tale informazione è omessa, è corretta la scelta del Pubblico Ministero di negare l'autorizzazione all'accordo e di trasmettere gli atti al Presidente del Tribunale.

E il Presidente del Tribunale di Torino, nel caso di specie, ha ritenuto che proprio l'omessa informativa abbia influito negativamente sugli accordi, che si presentavano come non sufficientemente adeguati a garantire che i figli minori mantenessero una continuità nella relazione con il genitore non collocatario.

Di conseguenza, conformandosi alla posizione del PM, il Presidente non ha autorizzato l'accordo, ritenendo che il mancato avviso in ordine all'importanza per i minori di trascorrere tempi adeguati con ciascun genitore, pur non essendo una circostanza tale da determinare la nullità della negoziazione, nella pratica ha fatto sì che i genitori predisponessero un calendario visite in contrasto con gli interessi di loro figlio e con il principio della bigenitorialità.

Tribunale di Torino testo ordinanza 29 maggio 2017
Vedi anche nella guida di procedura civile:
La negoziazione assistita - (La convenzione - il procedimento - la negoziazione obbligatoria - la negoziazione in materia di separazione e divorzio - il ruolo degli avvocati - I fac-simili)
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(07/06/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Telefono: i costi di disattivazione sono illegittimi
» Il credito dell'avvocato distrattario non è un credito di lavoro
» Carabinieri, concorso per 2.000 posti
» Avvocati: il vademecum sulla privacy
» Pensioni: via la Fornero e tagli a quelle d'oro


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss