Sei in: Home » Articoli

Patente: revisione anche senza violazioni del Codice della Strada

Per i TAR Campania e Toscana Ŕ sufficiente il ragionevole dubbio sull'idoneitÓ psicofisica o tecnica del guidatore
uomo alla guida di una macchina giocattolo simbolo senza patente
di Lucia Izzo - Non Ŕ necessaria una violazione del Codice della strada per far scattare la revisione della patente di guida: Ŕ sufficiente un ragionevole dubbio circa l'idoneitÓ psicofisica o tecnica del conducente alla guida del veicolo al motore.

╚ questo il principio ribadito da due recenti provvedimenti dei Tar Toscana e Campania che si sono pronunciati sulla legittimitÓ dell'ordine di revisione della licenza di guida elevato nei confronti di due automobilisti.

In entrambi i casi, i ricorrenti sono conducenti coinvolti in sinistri stradali e impugnano il provvedimento con cui la Motorizzazione civile aveva disposto nei loro confronti la revisione della patente di guida adottata ex art. 128 del Codice della Strada.

Revisione: basta il ragionevole dubbio sulle capacitÓ del guidatore

Innanzi al Tribunale amministrativo della Toscana, sentenza n. 681/2017 (qui sotto allegata) il ricorrente ritiene insussistenti nella fattispecie i presupposti per disporre la revisione della patente di guida, evidenziando che i Carabinieri, accorsi sul luogo dell'incidente, non avevano riscontrato alcuna violazione del Codice della strada.

Ancora, lamenta la mancanza di istruttoria e valutazione del fatto omesse dall'Amministrazione che si sarebbe limitata alla mera lettura del verbale redatto dai Carabinieri, senza considerare la condotta del guidatore dopo il sinistro nÚ prendendo in considerazione la mancata irrogazione di sanzioni.

Tuttavia, il Collegio Toscano rammenta che i provvedimenti di revisione della patente di guida non presuppongono l'accertamento di una violazione delle norme sul traffico o di quelle penali o civili, ma sono adottati in dipendenza di qualunque episodio che giustifichi un ragionevole dubbio sulla persistenza dell'idoneitÓ psicofisica o tecnica alla conduzione dei veicoli a motore (T.A.R. Venezia III, 9 gennaio 2017 n. 9; T.A.R. Piemonte II, 15 novembre 2016 n. 1411).

╚ quindi irrilevante la circostanza che i Carabinieri, intervenuti sul posto del sinistro, non abbiano elevato alcuna sanzione a carico del ricorrente mentre l'investimento di un pedone pu˛ logicamente fondare tale dubbio.

Il provvedimento di revisione non ha finalitÓ punitiva

Un principio ribadito anche dal Tar della Campania, nella sentenza n. 2405/2017 (qui sotto allegata) il quale rammenta che "i provvedimenti di revisione della patente di guida adottati ai sensi dell'art. 128, d.lgs. 21 luglio 1992 n. 285 sono finalizzati alla verifica della permanenza dei requisiti psicofisici e di idoneitÓ tecnica per il possesso della patente di guida".

Questi, prosegue il Collegio, sono adottati allorquando il comportamento del conducente sia stato tale da far sorgere dubbi in ordine al possesso di tali requisiti, con la conseguenza che tali provvedimenti non hanno finalitÓ sanzionatorie o punitive e non presuppongono l'accertamento di una violazione delle norme sul traffico o di quelle penali o civili, ma sono adottati in dipendenza di qualunque episodio che giustifichi un ragionevole dubbio sulla persistenza dell'idoneitÓ psicofisica o tecnic (Cons. di St., sez. IV, 2 settembre 2011 n. 4962).

Ancora, aggiunge il Collegio partenopeo, la giurisdizione in materia appartiene al giudice amministrativo trattandosi di provvedimento la cui adozione Ŕ rimessa alla discrezionalitÓ della p.a. che ha la facoltÓ, nell'espletamento delle sue funzioni istituzionali di tutela del pubblico interesse e ove ne ravvisi i presupposti, di disporre un nuovo accertamento, al fine di verificare la persistenza dei requisiti e dell'idoneitÓ necessari all'esercizio della guida avendo cura di evitare che la conduzione degli autoveicoli possa essere consentita a soggetti incapaci.
TAR Toscana, sent. n. 681/2017
TAR Campania, sent. n. 2405/2017
(23/05/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Conto corrente gratis in vigore
» Tribunale Bari: stop processi fino al 30 settembre
» L'archiviazione del giudizio
» La ricerca telematica dei beni del debitore
» Assicurazioni: al via la risoluzione stragiudiziale delle liti


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss