Sei in: Home » Articoli

Negoziazione assistita: anche per il tribunale di Roma, per la trascrizione basta l'avvocato

Il Tribunale di Roma supera la necessaria presenza del notaio, ponendosi sulla stessa posizione assunta dal Tribunale di Pordenone
stretta di mani che suggella accordo su contratto affitto

di Valeria Zeppilli – Nella giurisprudenza di merito si sta affermando un orientamento che, se dovesse prendere effettivamente piede, potrebbe comportare un cambiamento radicale nella procedura di trascrizione nei registri immobiliari conseguente a trasferimenti di beni fatti nell'ambito di una procedura di negoziazione assistita.

Il Tribunale di Roma, infatti, con decreto del 17 marzo 2017 (qui sotto allegato), ha ritenuto che gli accordi di negoziazione nei quali sono contenuti patti di trasferimenti immobiliari possono essere trascritti nei registri immobiliari in virtù della sola certificazione degli avvocati. In altre parole, non sarebbe necessaria anche l'autentica apposta dal notaio o da altro pubblico ufficiale a ciò autorizzato.

Per il giudice capitolino, più in particolare, va osservato che con riferimento alla negoziazione assistita "l'avvocato della parte è l'unico soggetto abilitato ad autenticare l'accordo raggiunto dai coniugi che si separano in regime di negoziazione assistita" e pertanto "attesa l'equipollenza … tra accordo di separazione in regime di negoziazione assistita autorizzato dal PM e il verbale di separazione consensuale sottoscritto in Tribunale ed omologato, deve ritenersi che anche il primo possa essere trascritto, considerata l'identità della fonte (pattizia) e le medesime finalità di tutela perseguite".

In conclusione, quindi, se l'accordo di separazione consensuale tramite negoziazione assistita comporta un trasferimento immobiliare, esso va trascritto senza riserva alcuna e a prescindere dal fatto che non sia depositato presso il Tribunale né che la conformità all'originale della copia da trascrivere sia attestata da un soggetto non abilitato per legge alla custodia dell'atto stesso.

Di certo si tratta di una pronuncia innovativa, che si pone in contrasto con le posizioni assunte da altri giudici del merito, ma che subito ha scatenato numerosi dissensi, soprattutto provenienti dal mondo del notariato, e ha assunto una rilevanza, anche mediatica, dirompente per il fatto di essere intervenuta contestualmente a un altro provvedimento dello stesso tenore: quello di pari data del Tribunale di Pordenone, sul quale leggi: "Negoziazione assistita: casa trasferita con gli avvocati, il notaio non serve".


Tribunale di Roma testo decreto del 17 marzo 2017
Vedi anche nella guida di procedura civile:
La negoziazione assistita - (La convenzione - il procedimento - la negoziazione obbligatoria - la negoziazione in materia di separazione e divorzio - il ruolo degli avvocati - I fac-simili)
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(04/04/2017 - Valeria Zeppilli) Foto: 123rf.com
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Curriculum vitae europeo: guida, fac-simile e consigli pratici
» Equitalia: nulle le cartelle esattoriali a mezzo pec col pdf
» Il permesso di soggiorno
» Avvocati: acquisto strumenti informatici al 50%
In evidenza oggi
Avvocati: prestazione sospesa se il cliente non pagaAvvocati: prestazione sospesa se il cliente non paga
Addio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardarioAddio assegno di divorzio per l'ex autosufficiente anche se il marito è miliardario

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF