Sei in: Home » Articoli

Corrente elettrica: indennizzi automatici fino a 1.000 euro per interruzioni prolungate

Dal 1░ ottobre 2017 attivi gli indennizzi automatici per interruzioni elettriche oltre le 72 ore
lampadina dentro tazza piena di soldi
di Lucia Izzo Dal 1░ ottobre 2017, l'utente che subisce una prolungata interruzione dell'energia elettrica avrÓ diritto a un indennizzo automatico che potrÓ arrivare fino a 1.000 euro. Tanto emerge dalla delibera 127/2017/R/eel (qui sotto allegata) approvata dall'AutoritÓ per l'energia elettrica il gas e il sistema idrico (Aeegsi) che estende gli indennizzi automatici ai clienti finali a carico degli operatori di rete.

L'AutoritÓ, infatti, evidenzia come nel corso degli ultimi anni, siano aumentate le interruzioni dell'erogazione dell'energia elettrica attribuibili a forza maggiore, come in caso di eventi meteorologici severi e di vasta estensione. La quota di durata delle interruzioni attribuite a tali eventi, si legge nella delibera, ha raggiunto livelli molto significativi a livello medio complessivo nazionale, segnando, rispetto a una media di circa 30 minuti persi all'anno nel periodo 2004-2015, un picco di circa 57 minuti persi per cliente nel 2012 e un picco di circa 69 minuti persi per cliente nel 2015, ultimo anno per il quale sono disponibili dati definitivi.

Ma gli indicatori statistici medi nazionali non rappresentano compiutamente gli effetti sulle singole aree servite dalle reti elettriche impattate dai fenomeni menzionati, quindi le interruzioni di energia elettrica ai clienti finali hanno avuto anche durata molto pi¨ elevata. ╚ l'esempio di Lombardia ed Emilia Romagna, regioni in cui risulta che oltre 360.000 clienti hanno subito una interruzione di durata superiore a 8 ore e che la durata media delle disalimentazioni per gli utenti coinvolti in tali interruzioni Ŕ stata rispettivamente di 20 ore in Lombardia e 26 ore in Emilia Romagna. Senza contare gli eventi eccezionali che hanno colpito Abruzzo e, in minor misura, Marche, Lazio e Umbria con interruzioni di energia elettrica durate giorni.

Per tutelare gli utenti che subiscono interruzioni prolungate, dal 2007 Ŕ in vigore una regolazione che prevede un indennizzo automatico per i clienti in bassa tensione che subiscono una interruzione di durata superiore a 8 ore per i centri urbani e a 12 ore per le altre zone ricevono un indennizzo automatico; dal 2020 gli indennizzi automatici saranno erogati al superamento delle 8 ore per tutti i clienti in bassa tensione e delle 4 ore per tutti i clienti in media tensione.

L'indennizzo automatico Ŕ differenziato tra clienti domestici e clienti non domestici, e tra quest'ultimi in base alla potenza contrattualmente impegnata, aumenta con l'aumentare della durata di interruzione, fino a un limite massimo espresso in euro. L'onere indennitario Ŕ a carico delle imprese distributrici, indipendentemente dal numero di utenti serviti, e di Terna per interruzioni innescate da cause nella loro responsabilitÓ, mentre Ŕ coperto da un Fondo eventi eccezionali per le interruzioni prolungate attribuite a causa di forza maggiore.

Dall'analisi condotta sui dati relativi agli eventi severi occorsi su vasta estensione del periodo 2012-15, l'AutoritÓ evidenzia che per oltre il 96% delle interruzioni causate da eventi non imputabili agli operatori interessati, il servizio elettrico Ŕ risultato regolarmente ripristinato entro le 72 ore

Pertanto, il provvedimento ritiene opportuno prevedere un limite, pari a 72 ore, oltre il quale l'onere addizionale degli indennizzi sia posto in capo all'impresa distributrice e/o a Terna (Rete elettrica nazionale), anche qualora la causa di innesco dell'interruzione sia attribuibile a forza maggiore. Si tratta di un limite "ritenuto congruo, vista la possibilitÓ per l'impresa distributrice o per Terna di reperire mezzi adeguati al ripristino del servizio".

In sostanza, se l'interruzione del servizio supererÓ le 72 ore l'utente avrÓ diritto a un indennizzo automatico direttamente dall'operatore di rete, mentre il Fondo eventi eccezionali continuerÓ a operare solo per la parte di indennizzo riferito alle prime 72 ore per interruzione di cause di forza maggiore.

Se le interruzioni si prolungheranno oltre le 72 ore ed entro le 240, la misura dell'indennizzo a carico degli operatori o di Terna potrÓ arrivare fino a mille euro in quanto la delibera elimina il tetto dei 300 euro.

Per permettere alle imprese distributrici e a Terna di prepararsi adeguatamente, l'AutoritÓ stabilisce che le suddette misure decorreranno dal 1░ ottobre 2017, vale a dire prima della prossima stagione invernale. 
Aeegsi, delibera 127/2017/R/eel
(23/03/2017 - Lucia Izzo) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Divorzio: via libera all'app per gestire i figli senza conflitti
» Sfratti: il termine di grazia
» Guida legale: La revoca della rinuncia all'ereditÓ.
» Lavoro: da domani in vigore le nuove regole sulle visite fiscali
» EreditÓ: la ripartizione dei debiti tra gli eredi


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss