Lo sconto fiscale previsto dalla legge di stabilità 2017 per la messa in sicurezza degli edifici può arrivare sino all'85%
mani che scambiano casa al posto dei soldi

di Valeria Zeppilli - Nel pieno rispetto delle tempistiche delineate dalla legge di stabilità 2017, il sismabonus è giunto ai nastri di partenza, con la conseguenza che ora la messa in sicurezza degli edifici può a pieno titolo beneficiare dello sconto fiscale previsto dal recente intervento, in grado di arrivare sino all'85%.

Come funziona il sismabonus

Il metro di riferimento è rappresentato dalle otto classi di rischio individuate, che vanno dalla A+ e arrivano sino alla G, che è la peggiore.

Per poter beneficiare della detrazione occorre preliminarmente incaricare un professionista di procedere alla valutazione della situazione sismica del proprio edificio e di stimare in quale classe essa si colloca.

Ammontare della detrazione

Se poi a seguito dell'intervento di messa in sicurezza non vi sono variazioni di classe, il bonus applicabile è quello del 50%, che sale al 70% se si guadagna una classe e all'80% se se ne guadagnano due.

Ai condomini, per le parti comuni, è concesso una detrazione ulteriore del 5%, con la possibilità di arrivare, così, anche all'85% complessivo.

Il sistema è stabilizzato sino al 2021 e il recupero avverrà in cinque anni.

Determinazione della classe di rischio

Per determinare le classi di rischio, gli strumenti a disposizione dei professionisti sono due.

Al metodo convenzionale, applicabile a tutte le costruzioni e fondato sui metodi previsti dalle Norme tecniche per le costruzioni, si affianca anche un metodo semplificato, fondato su una valutazione rapida e più economica ma utilizzabile solo per gli interventi di rafforzamento locale.

Valeria Zeppilli
Valeria Zeppilli (profilo e articoli)
E-mail: valeria.zeppilli@gmail.com

Condividi
Feedback

Foto: 123rf.com
In evidenza oggi: