Sei in: Home » Articoli

Assegno circolare: è obbligatoria la clausola non trasferibile?

Entro determinati limiti è possibile evitarla. Vediamo quali
mano di imprenditore che consegna assegno ad altra persona

Domanda: "Nell'assegno circolare è obbligatoria la clausola di non trasferibilità?"

Risposta: "L'assegno circolare, bancario e postale, è oggi uno dei mezzi di pagamento più diffusi. Si tratta di un titolo di credito c.d. "a vista" che consente di pagare la somma indicata nello stesso al soggetto beneficiario evitando la circolazione del denaro contante.

Pur presentando innumerevoli vantaggi, tra cui quello di poter essere rilasciato a chi lo richiede anche senza provvista presso la banca, semplicemente versando la somma occorrente, l'assegno circolare è soggetto a precise regole, il cui mancato rispetto comporta pesanti sanzioni.

Una di queste è proprio la clausola "non trasferibile" che risulta obbligatoria, a far data dal 31.12.2011 (a seguito dell'entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 convertito con modificazioni dalla l. n. 214/2011), per i trasferimenti di importo pari o superiore ai mille euro.

A seguito dell'introduzione di tale obbligo, gli assegni circolari vengono emessi già con l'indicazione prestampata della clausola di non trasferibilità.

Il cliente, tuttavia, presentando esplicita richiesta, può ottenere il rilascio dell'assegno in forma libera, esclusivamente quando il suo importo sia inferiore a mille euro.

In tal caso, è dovuta la somma di euro 1,50 per ogni assegno circolare in forma libera, a titolo di imposta di bollo (che l'istituto, poi, verserà all'erario).

Il mancato rispetto delle regole descritte comporta l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria variabile dall'1% al 40% dell'importo trasferito con l'assegno, con un minimo di 3mila euro".

Suggerisci un nuovo argomento per la rubrica: domande e risposte
Rubrica Domande e Risposte

(18/02/2017 - Domande e Risposte) Foto: 123rf.com
In evidenza oggi:
» Cassazione: non punibile chi va a spasso con un coltello in auto
» Divorzio: dopo quanto tempo si può chiedere?
» Riforma penale: ok al principio di riserva di codice
» Divorzio: quando la moglie deve restituire il 50% delle rate del mutuo pagate per intero dal marito?
» Assegni familiari e di maternità: i nuovi importi 2018


Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss