Sei in: Home » Articoli

Parto anonimo: il figlio può cercare la madre

La Cassazione colma il vuoto normativo
minore adolescente figlio affidamento minorenne

di Valeria Zeppilli – Da ora in poi conoscere le proprie origini, se si è nati da parto anonimo, dovrebbe divenire più semplice.

Con la lunga sentenza numero 1946/2017, depositata dalla prima sezione civile il 25 gennaio (qui sotto allegata), la Corte di cassazione è infatti intervenuta a colmare il vuoto normativo esistente in materia nel nostro ordinamento e ha sancito la possibilità per il giudice, su istanza del figlio, di interpellare la madre rimasta sconosciuta per domandarle se ha intenzione o meno di "dichiararsi".

I giudici, più in particolare, hanno precisato che anche se con la sentenza numero 278/2013 la Corte costituzionale, nel sancire il diritto dell'adottato a ricevere informazioni sulla madre biologica, non ha introdotto una disciplina procedimentale attuativa, il giudice, se il figlio ha il desiderio di conoscere le proprie origini e scoprire quale è la sua storia parentale, può rivolgersi alla donna che, alla nascita, ha dichiarato di non voler essere nominata e chiederle se ha intenzione di revocare tale sua dichiarazione.

Le modalità procedimentali con le quali provvedervi vanno desunte dal quadro complessivo normativo e dal principio sancito dalla Consulta nel 2013 e devono essere comunque idonee a garantire che la donna preservi la sua riservatezza e la sua dignità.

La Cassazione ha quindi precisato che, in ogni caso, se la dichiarazione iniziale di anonimato fatta dalla madre non è revocata e questa resta ferma nella sua scelta di restare sconosciuta, dinanzi a tale circostanza il diritto del figlio di indagare sulle sue origini trova uno scoglio insuperabile.

È, insomma, questo il perfetto contemperamento tra il diritto all'anonimato della madre e il diritto del figlio a conoscere le proprie origini, entrambi riconosciuti dalla Consulta nel 2013 ma che, sino ad oggi, non erano riusciti a trovare un effettivo punto di equilibrio.

Corte di cassazione testo sentenza numero 1946/2017
Valeria Zeppilli
Consulenza Legale
Laureata a pieni voti in giurisprudenza presso la Luiss 'Guido Carli' di Roma con una tesi in Diritto comunitario del lavoro. Attualmente svolge la professione di Avvocato ed è dottoranda di ricerca in Scienze giuridiche – Diritto del lavoro presso l'Università 'G. D'Annunzio' di Chieti – Pescara
(26/01/2017 - Valeria Zeppilli)
Le più lette:
» Il mobbing - guida con raccolta di articoli e sentenze
» Preavviso di licenziamento e dimissioni: durata, conseguenze e fac-simile
» Curriculum vitae: guida alla redazione con fac-simile
» Processo civile telematico: attenzione a come si deposita la sentenza impugnata in Cassazione!
» Equo compenso per tutti: avvocati e professionisti
In evidenza oggi
Udienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimoUdienza celebrata in anticipo senza l'avvocato? Il giudizio è illegittimo
Addio riparazione per lo stalkingAddio riparazione per lo stalking

Puoi trovare o lasciare commenti anche nei post che trovi nella nostra Pagina Facebook
Newsletter f g+ t in Rss
Print Friendly and PDF